Spazio autrice ad inizio capitolo! Non ricordavo se avevo già messo il trailer in uno dei capitoli ma eccolo qui sopra.âÂ¤Ã¢ÂÂ¤
Un'altra cosa che volevo dirvi era che ho notato spesso che alcuni di voi mi chiedono le pronunce di alcuni nomi, perciò eccole qui:

Faith: Feith

Travis: Trevis

Jenna: Genna

Isaac: Aisaac

Aiden: Eiden

Luke: Luc

Leo: Lio

Cameron/Maya/Sierra: //

Marcie: Marsi

Aubrey: Obri

Detto questo, buona lettura!❤❤❤❤

Quando entrai nel bar, mi ritrovai immersa in una tranquillità che non mi aspettavo di trovare. I tavoli occupati erano esattamente due: un gruppo di amici e una coppia adulta.
I ragazzi sembravano esattamente i nostri omonimi: erano allegri, scherzavano, ridevano e riuscii a sentire qualche presa in giro che si facevano a vicenda. La coppia, invece, sembrava più eccitata e seria; si guardavano spesso intorno e allora, data l'età, mi chiesi se fossero amanti.
Questo non fece altro che ricordarmi della storia di mio padre, così decisi che erano soltanto due colleghi di lavoro innamorati e andai verso il bancone.

Jenna era proprio lì dietro, stava sistemando le tazzine del caffè in un angolo e sembrava non aver ancora fatto caso a me. Aveva i capelli sciolti e un grembiule nero legato in vita, che le scivolava lungo le ginocchia. Sopra, una semplice t-shirt bianca che lei chiamava "quella del lavoro".

"Ciao!" esclamai, facendola sobbalzare. Fortunatamente, non aveva in mano nessuna tazzina da distruggere.

"Ehy, sei arrivata in tempo! Maya è in bagno" mi disse, girandosi. Si pulì le mani con un canovaccio e appoggiò i gomiti sul bancone, indicando con la testa lo sgabello dove avrei dovuto sedermi.

Feci come mi aveva ordinato e le chiesi un cappuccino con un cornetto perché stavo morendo di fame e sapevo che anche Maya avrebbe preso la stessa cosa.

"Eccomi!" esclamò, sbucando dalla porta del bagno quasi inesistente per me. Sembrava abbastanza allegra e aveva fatto la piastra ai capelli; fu la prima cosa che notai.

"Allora, eri con Travis, eh?" fece, tirandomi una gomitata.

Annuii. "Non abbiamo fatto niente, idiota, mi sono addormentata."

Jenna mi guardò, cercando di capire se fossi seria, e, quando capì che era proprio così, scoppiò in una fragorosa risata.

"Che c'è?" sbottai, prendendo tra le mani il cornetto che mi porse.

"Come diavolo hai fatto ad addormentarti mentre, non so, ti baciava il collo?" mi chiese, mentre si girava per fare i due cappuccini.

Impossible 2Leggi questa storia gratuitamente!