Arabelle's P.O.V

L'aria fredda copriva il mio corpo. Il calore di esso fu immediatamente prosciugato come se fossi appesa a testa in giù.

Lentamente espirai, cercando di capire dove fossi. Era tutto scuro. Non potevo vedere niente, sentivo come se la mia vista era stata rubata al mio corpo.

Alzai le mie braccia in aria cercando di sentire se ci fosse qualche oggetto solido a cui aggrapparmi per alzarmi. I miei piedi li sentivo pesanti e stanchi. L'unica cosa che volevo era sdraiarmi e dormire su un materasso comodo. Dormire solo per un giorno.

Tutto quello che potevo sentire era un silenzio tombale. Era tutto troppo calmo, troppo strano. C'era qualcosa che non andava.

Volevo urlare per Harry, diavolo, avrei per fino urlato per mia madre in quel momento che ero impaurita.

Quando ci provai, la mia voce uscì fuori più rumorosa del silenzio. Più silenzio. Il suono era a mala pena udibile ad un essere umano. Io non ero umana, dunque potevo sentirlo.

Era strano pensare che un anno e mezzo prima sarei stata seduta con mia madre, litigando per il mio telefono e il matrimonio di mia sorella.

L'unica cosa che veramente, pensai, mi mancava.

Mia madre e mia sorella erano il litigio. Non avevo mai capito perchè le amavo così tanto, lo facevo e basta. Era una cosa inspiegabile.

In quel momento invece non potevo immaginarmi una vita senza Harry, anche dopo gli alti e bassi (più bassi) che avevamo avuto.

La luce bianca venne verso di me. Cosa?

Stavo sognando oppure stavo dormendo? Forse era solo una luce casuale che aveva deciso di venire verso di me, non poteva essere niente di speciale.

Harry's P.O.V

C'eravamo ufficialmente. Louis stava aiutando Niall ad impacchettare le cose che ci sarebbero potute servire. Zayn e Liam invece stavano preparando la macchina per partire. Io? Stavo aiutando mia madre. Le avevo preparato qualcosa da mangiare che aveva divorato in pochi minuti. Max l'aveva sfamata?

Lei era seduta sul divano, guardando qualche film casuale che stavano trasmettendo in televisione. Era un film natalizio, probabilmente. Non lo sapevo per certo, non avevo controllato. Anne, in qualunque caso, non ci faceva molto caso.

"Harry, sei pronto a partire?" la voce profonda di Zayn mi chiamò da fuori

Sospirai e risposi semplicemente con "un minuto".

Camminai verso mia madre e le presi una mano.

"Sarò di ritorno tra un po', okay?" sorrisi, non sapeva che cosa stava per accadere

"Si, tesoro. Ci vediamo tra poco e stai attento" rispose avventata stringendo la mia mano

Mi incamminai verso la macchina con i miei migliori amici per andare a recuperare la mia fidanzata.

*un'ora e mezza dopo*

Scoprimmo finalmente dove Max si nascondeva: in un bosco vicino a un fiume sul retro della casa. Aveva l'aria di essere accogliente se solo Max non vivesse li.

"Amico, sei sicuro di tutto questo?" Niall sussurrò verso di me camminando su una grande pozza di fango. Alla fine stavamo indossando degli stivali.

"Sono positivo"

E lì, il silenzio calò.




Arabelle (Harry Styles) Italian TranslationLeggi questa storia gratuitamente!