Solox

57 6 3

"Quindi avete risolto?"
"Si" Anderson annuisce per poi alzarsi ed andarsene. Infantile.
"Aspetta!" urlo per poi raggiungerlo.
"Lasciami in pace, ti prego" dice debolmente e non posso far altro che bloccarmi, come in uno scatto fotografico, e stare ferma ascoltando i suoi passi.
Non voglio che si allontani da me, ma ci sono persone, come lui e me, che a volte si sentono meglio soli per poter riflettere e curare le proprie ferite senza il bisogno di lui o lei o loro.
Soli, semplicemente soli.
"Ehi" quella voce...
"Solox?"
"Hai indovinato" fa un enorme sorriso.
"Che stavi facendo?" aggiunge.
"Non pensavo frequentassi la mia stessa scuola, che ci fai qui?"
"Ops, mi sono trasferita"
"Da dove?"
"Da non molto lontano. Ti va di mostrarmi la scuola?" la guardo male iniziando a farle vedere quello che dovrà sopportare per un altro anno.

"Buono!" ridacchio vedendola gustare latte e cacao.
"Ti piace così tanto?"
"Yeee" alza le mani in aria continuando a sorseggiare.
É una ragazza solare, le sue piccole iridi nocciola tendenti al marrone luciccano e le sue labbra sorridono sempre mostrando denti perfettamente bianchi.
I suoi capelli che arrivano quasi alle spalle, che avrà tagliato perché prima erano lunghissimi, sono di un biondo scuro, il che non rispecchia la sua personalità.
"Che c'é?" chiede. Parla velocemente, ha una bella voce.
"Ti osservavo" scrollo le spalle. E lei sorride, come sempre, risaltando le lentiggini sulle guance anche se ricorperte da un leggero fondotinta. É un peccato perché sono adorabili.
"Sono bella vero?" si mette in piedi sulla sedia e comincia a mostrare il suo "lato sexy" con posizioni che fanno solo ridere.
"Sì"
Ha un look particolare, molto colorato.
Ed eccola cantare qualcosa che non conosco come una pazza ed é proprio per questo che Harry arriva senza che me ne accorga spaventandomi da dietro.
"Scemo!" lo rimprovero scherzando.
"Solox? che ci fai qui?" aggrotta le sopracciglia, ma in realtà non sembra molto sorpreso.
"Avevo voglia di venire e basta, disturbo?" lo provoca, ma lui va da lei ad abbracciarla e non posso far altro che sentirmi fuori posto.
Così abbasso lo sguardo imbarazzata.
Perché non si staccano?
Staccati da lui cazzo.
"Emm io vado solo un attimo in bagno" ma sembrano non prestarmi attenzione.
Fanculo.
In realtà mi dirigo in camera buttandomi sul letto e messaggiare.
Andi non mi ha scritto, così decido di mandargli un messaggio io.

Per Andi alle 18.30
We we weee ❤

Da Andi alle 18.31
Ehi ahahah ❤

Per Andi alle 18.31
Stai meglio?❤❤

Da Andi alle 18.32
Ora si❤

Gli racconto di Solox e lui di come a passato il pomeriggio finché non ci salutiamo.
Scorro sui vari contatti per vedere stati e foto su whatapp finché non arrivo alla lettera Z...Zayn.
Faccio per digitare sulla tastiera, ma il cellulare mi viene preso.
"Cosa stavi cercando di fare?"
Arrossisco e rispondo con un niente.
"Alex, non ti permettere mai più di scrivere a lui, ti é chiaro?" annuisco.
"Mi puoi restituire il..." mi fermo perché, ancora una volta, non presta attenzione ed é concentrato a leggere qualche conversazione, penso.
"Ah, vi fate pure i cuoricini adesso?"
"Non hai il diritto di leggere i miei messaggi Harry!"
"Bene, tieni" mi butta il cellullare sul letto e mi porge la mano che stringo.
"Perché sei rimasta qua se di la c'é Solox?"
"Così"
"Alex, dimmi la verità"
"Volevo lasciarvi da soli" scrollo le spalle e nel mentre entra la ragazza estroversa.
"Harry, Alex, ora vado" si dirige verso di me e ci abbraccia entrambi per poi vederla sparire.

"Solox per me é importante" non rispondo, cerco di ascoltarlo mentre guardo il soffitto.
"Lei é la mia amica d'infanzia, ci tengo"
"Sì, ho capito. Cerca di non ripeterlo mille volte"
Al posto del muro questa volta c'é la faccia di Harry che mi guarda corrugando la fronte.
"Tu" respira lentamente.
"Io"
"Sei"
"Sono"
"Insopportabile"
"Lo so" sorride leggermente e mi bacia.
"Ti amo"
"Ti amo"

You make me  dieLeggi questa storia gratuitamente!