Arabelle's P.O.V

All'inizio ero leggermente insicura su quello che stava succedendo e nella situazione in cui ero. Harry. Mi piaceva, si, solo che non volevo correre.

Perchè no?

Feci allontanare Harry con la forza. Potei sentire la bocca di Harry formare un sorriso. Le nostre bocche erano sincronizzate ed eravamo ancora più vicini e attaccati di prima.

Sembrava come se le nostre bocche furono state create l'uno per l'altra, specialmente per il fatto che si incastravano perfettamente.

La mia mano trovò la via per raggiungere la testa piena di ricci di Harry. Le mia dita li afferrarono.

Harry mi sollevò in modo che potessi legare le mie gambe intorno alla sua vita, non interruppe il bacio nemmeno una volta. Cosa che era un po' diventata animata.

Potei sentire le gambe di Harry camminare verso qualcosa, non ero preoccupata perchè mi concentrai sul fatto che fosse molto atletico, per davvero.

"Molto bello" sentii Harry mormorare contro la mia bocca. Una sensazione di leggerezza si fece spazio nel mio corpo appena la mia schiena toccò qualcosa di morbido, il letto.

Sorrisi contro le sue labbra e mossi le mie mani per tirare giù i suoi jeans. Le sue mani invece stavano vagando sul retro della mia T-Shirt, cercando di slacciarmi il reggiseno bianco. I segni di concentrazione sul suo viso erano adorabili.

Mi scappò una piccola risata e lui smise di guardare la mia faccia sporca e disordinata. "Cosa? Perchè sono così dannatamente complicati?" mormorò. Sorrisi e spostai le mie mani sul retro della mia schiena, slacciandolo in un solo movimento. Harry sbuffò ma subito si avvicinò nuovamente in modo da poterci baciare di nuovo. Le sue labbra soffici e rosee sembravano irreali.

Doveva per forza usare il rossetto.

Le mie mani tornarono tra i suoi capelli. Strattonandoli leggermente gli scappò un gemito profondo. Ritirai la mia mano e scoppiai a ridere.

"Arabelle, smettila di torturarmi" rise con me "Ma se non volessi?" lo sfidai. "Beh, potrei fare qualcosa..."si interruppe. Sorrisi non sapendo nemmeno lui di che cosa stava parlando. Mise le sue mani sulla mia schiena e mi tirò su in modo da stare sopra di lui. Mi tirai su e iniziai a baciarlo di nuovo, non ne avrei avuto abbastanza di lui quel giorno.

Iniziai a muovere le mani verso i suoi pantaloni, realizzando che la stretta delle sue mani stava diventando più ferrea di prima: libero e rigonfio.

Il nostro baciò si approfondii in fretta e non potemmo più controllare i nostri sentimenti. Harry iniziò a tirarsi giù i pantaloni rivelando i suoi boxer neri di Calvin Klein.

In un lampo, qualcuno bussò alla porta e Louis entrò dentro.

"Hey Arabelle, abbiamo per te alcuni....Oh" disse spalancando gli occhi

"Non importa" balbettò imbarazzato e uscì fuori

"Com'era imbarazzato..." dissi a Harry arrossendo vergognosamente. "E' okay, era solo Louis" disse con il suo profondo accento inglese

Eravamo riusciti a toglierci quasi tutti i vestiti senza interrompere il nostro bacio, avevamo un talento o qualcosa del genere.

"Il nostro talento" osservò Harry, sorridendo. Iniziai ad arrossire profondamente più di qualunque altra persona al mondo.

I miei occhi caddero sull'erezione di Harry, forte e muscolosa davanti a me.

In quel momento era lui a provocarmi. Idiota, pensai.

"Hey!" esclamò Harry, cercando un contatto visivo. Non mi preoccupai nemmeno di rispondere. Sorrisi per farlo incazzare ancora di più.

Le sue mani si mossero sul mio culo, stringendolo leggermente...

"Per sicurezza" ghignò

Ovviamente, quello era il motivo per cui era fatto.


Arabelle (Harry Styles) Italian TranslationLeggi questa storia gratuitamente!