La serata passò in fretta. Comunque, non successe nulla di particolare. Fu una delle tante feste organizzate prima dell'inizio dell'anno scolastico.
Alcol, falò e musica. Niente di speciale, comunque. La classica festa a cui partecipavano tutti i ragazzi della mia età, quelle che Colton Myers organizzava quasi ogni sabato sera nella sua immensa villa con tanto di piscina.

Non avevo più parlato con Nate, né tanto meno con Alex e a me andava più che bene. Ovviamente, solo per quest'ultimo. Avevo perso Nate di vista quando si era fermato a parlare con una persona e non lo avevo più ritrovato. Dopo aver discusso con Alex, avevo ritrovato finalmente Mae e avevo passato la serata con lei, ballando, scherzando, ricordando i vecchi tempi in cui ero diversa.
Poi, Seth ci aveva riaccompagnato a casa. O quasi. Era talmente ubriaco che Mae aveva dovuto guidare al posto suo. Lo avevamo riaccompagnato a casa, mentre ci raccontava ogni singolo dettaglio della serata passata con Charles ed eravamo anche riuscite a portarlo in camera senza molti problemi. C'era solo suo fratello maggiore Carson, ma si era addormentato sul divano, con tanto di mano nel pacchetto di patatine.

Il giorno dopo mia madre mi aveva dato una mano a sistemare tutte le cose, avevamo messo a lavare i panni sporchi e risistemato con decenza quelli puliti nei cassetti. Mi aveva spiegato che stava cercando un lavoro semplice, mentre a mio padre stava andando piuttosto bene.

Chiusi il cassetto, producendo un forte rumore per la poca grazia usata. Sbuffai e mi buttai sul letto. Non usavo il telefono da quella mattina, avevi preferito passarla con mia madre dopo aver passato un anno via da casa.
Lo sbloccai, nonostante fosse abbastanza lento. Mi sembrava la mia voglia di cambiare, all'inizio, quando avevo paura di farlo per ricevere ulteriori critiche.
Lessi velocemente tutti i messaggi, scoppiando subito a ridere per quelli di Seth.

Seth: Hey Hay (10.22 a.m.)

Seth: ahaha! Hey-Hay (10.22 a.m.)

Seth: comunque, ho un mal di testa pazzesco (10.23 a.m.)

Seth: e ho l'alito che mi puzza di alcol, anche troppo direi (10.24 a.m.)

Seth: non riusciresti neanche ad immaginarlo (10.24 a.m.)

Seth: okay okay la smetto (10.26 a.m.)

Seth: cosa ho fatto ieri sera? (10.26 a.m.)

Seth: oh, andiamo Hay! Almeno tu rispondi (10.35 a.m.)

Seth: te e Mae state per caso insieme? O vi siete messe d'accordo? (10.37 a.m.)

Seth: okay lascio perdere, ma datti una svegliata tesoro! (11.44 a.m.)

Gli risposi velocemente spiegandogli ciò che avevo fatto quella mattina e dicendogli che la sera prima era davvero ubriaco, sicuramente aveva bevuto con Charles, così ci aveva anche detto.

Dopo, risposi a Phoebe, rimasi a parlarci per un po' finché non mi disse che doveva andare urgentemente, così passai a quello di Mae, appena arrivato.

Mae: da Steps tra mezz'ora, ci sei?

Risposi immediatamente di sì, avevo una gran voglia di uscire, anche perché il giorno dopo sarebbe iniziata la scuola e non volevo passare la giornata in casa a deprimermi per quello. Presi velocemente un paio di jeans e una maglietta, li indossai e infilai le solite scarpe che mettevo sempre. Finii di sistemarmi, aggiungendo un po' di trucco al mio viso, anche se di solito non coprivo molto le lentiggini. Phoebe aveva detto che mi davano un'espressione sbarazzina, anche Mae me lo diceva spesso.

StitchesLeggi questa storia gratuitamente!