Capitolo 26

258 29 1

Non sapevo come reagire, se guardarlo o abbassare la testa, ma in quel momento mi limitai a guardare altrove, spostai la mia vista sulla parete dal lato opposto, c'era un bellissimo quadro, c'erano disegnati delle coppie in un parco, assomigliava molto a central park, era dipinto con colori vivaci e brillanti.
Ad un certo punto mi girai e vidi Michael seguito da Taylor, il quale si sedette proprio accanto a me, baciai Taylor, senza un reale perché, subito dopo i miei occhi si spostarono su Nate, era di fronte a me solo dalla parte opposta, appena staccai le labbra da quelle del ragazzo vidi Nate innervosirsi, avevo paura per Taylor.
Nessuno poteva conoscere il lato oscuro di Nate, dietro al ragazzo dolce si nascondeva qualcuno molto più grande di quanto si potesse immaginare, da come dicevano in giro era un ragazzo scontroso, era molto determinato anche se non lo sembrava.
Dopo poco usai la scusa del dover andare in bagno, dopo 2 minuti arrivò Nate, "ti aspettavo" dissi guardandolo, "senti, ti posso spiegare tutto" mi disse gesticolando, "ora devo andare, facciamo che ci vediamo stasera alle 9 a casa tua, ciao" lo guardai e gli diedi un bacio sulla guancia, notai che le sue guance si arrossirono e poi disse "a stasera".
Uscii e presi per mano Taylor e gli dissi "andiamo a farci un giro, ti va?", "andiamo" rispose sorridendo, Michael se ne era già andato, guardai prima di uscire il tavolo degli altri e poi me ne andai.

NATE POV

Uscii dal bagno e raggiunsi gli altri, "allora?" disse Sammy, "stasera ci vediamo per chiarirci" risposi, non era facile dover raccontare tutto di me e Irina, e poi quella sera, avevo deciso che io le avrei detto quello che provavo per lei, forse era arrivato il momento o forse no, ma lei doveva saperlo, anche se sarà incredula.
Ad un certo punto dissi "io vado, ci vediamo dopo" e me ne andai, mi ero stufato di sentire parlare di ragazze, scopate e cose varie, dovevo pensare a me ed Amber.

AMBER POV

"Lo sai che fra mezz'ora tutto questo finirà" dissi tenendo la mano di Taylor, "lo so, anche se mi dispiace" rispose guardando a terra, "non funzionerebbe, partendo dal fatto che stasera tu uscirai e te ne farai un'altra tranquillamente" dissi fermandomi e guardandolo, "non mi interessa come andranno le cose, sappi che questo è il mio numero, se hai bisogno, chiama, qualsiasi ora" mi disse senza distogliermi lo sguardo di dosso, " grazie mille" dissi fidando il numero, "sappi che ti seguo da un po' sui social e devo dire che mi piaci molto" disse e poi mi attirò a se e subito dopo mi baciò, restammo incollati per poco quando poi ci staccammo e dissi "arrivederci signor Caniff ", "arrivederci bella signorina" rispose e ci girammo dai lati opposti e ce ne andammo.
Non mi era mai successa una cosa così, vabbè che c'è sempre una prima volta ma, troppe cose in poco tempo.

La mia intenzione era quella di andare a casa con l'intento di riposarmi per la serata che dovevo affrontare, andai in macchina e dopo un po' arrivai di fronte casa.

C'era la macchina di Neville sul vialetto e delle sagome sotto il portico, io parcheggiai la mia macchina al solito posto, appena scesi...

------------------------------------

Ciao a tutti, come state?
Spero che anche questo capitolo vi piaccia, commentate tutte le vostre idee.

Vi voglio bene💕

Twitter: @ lostincaniff

||Drugs|| Nate MaloleyLeggi questa storia gratuitamente!