"No, no non è vero" sussurrai, anche se non mi sembrava così. Le parole di Marcie mi avevano tagliato come una lama, non potevo credere che Travis e soprattutto Maya mi avevano nascosto una cosa del genere.

"Ti sto dicendo la verità, che motivo avrei per mentirti?" replicò. E, in fondo, aveva ragione.

Sapevo che Marcie era una di quelle che sapeva giocarsi bene le sue carte. Non avrebbe avuto motivo di mentirmi, mi bastava la conferma di altri dieci ragazzi in quella casa per capire se fosse così oppure no.

"Non biasimo Maya e Travis per non avertelo detto" proseguì, scrollando le spalle. "La loro è stata una storia così insensata."

"Perché insensata? E quanto tempo sono stati insieme? E quando si è messa con Aiden allora?" chiesi, velocemente. Se volevo risposte, sapevo che ormai Marcie sarebbe stata l'unica a darle.

"Insensata? Sono stati insieme per quanto? Una settimana? Dieci giorni?" rispose. "La verità è che Travis voleva me e per farlo ha usato Maya, la mia sorellina."

Aprii la bocca per parlare, ma lei mi precedette di nuovo. "Sì, Faith, era abbastanza stronzo Travis, prima. Meno male che è arrivata la buona ragazza che sei a cambiarlo. Riguardo Aiden e Maya non te lo so dire, ma la mia sorellina farebbe meglio a stargli lontano, ora che lui è con Sierra."

"Maya ha altri interessi" ribattei subito. Aprii un cassetto e tirai fuori una tovaglia. "Sarà meglio andare ad apparecchiare per la colazione."

Portai con me anche i bicchieri di carta che avevamo comprato ieri al supermercato e qualche posata.
Mi girai e andai verso il tavolo in salone, iniziando ad apparecchiare tutto da sola. Quando sentii due braccia circondarmi, avevo ormai finito.

Le labbra di Travis mi sfiorarono la guancia. "Buongiorno."

"Buongiorno" replicai, fredda.

Lui se ne accorse subito, lo notai da come sciolse l'abbraccio, come se fosse un robot. Ne approfittai e mi girai di scatto verso di lui, dopo aver sbattuto con forza il bicchiere sul tavolo.

"Perché non mi hai detto della tua relazione con Maya?" dissi, andando dritta al punto.

Lui lanciò un' occhiata a Marcie, nell'altra stanza e lei non poté far a meno di sorridere innocentemente.
"Pensavo lo sapesse."

Lo scossi per un braccio. "Guarda me, non guardare lei. E dammi una spiegazione, ti prego. Dimmi se è una bugia, perché non me lo hai detto. Spiegami."

"Hai presente la tua relazione con Noah?" iniziò, grattandosi la testa.

"Relazione con Noah?" Incrociai le braccia sotto il seno. "Siamo stati insieme una settimana, non si può neanche definire una vera e propria relazione."

"Esattamente, è ciò che c'è stato con Maya" mi spiegò. "Faith, Maya non mi è mai... piaciuta, seriamente."

"Sì, Marcie mi ha detto anche questo" dissi. Lui mi prese, stringendomi a sé e unendo le nostre labbra.

Per un momento, non feci nulla, ma cedetti poco dopo. Quelle labbra erano come una cura per me, un qualcosa da cui mai mi sarei staccata, una sorta di droga molto potente.

Mi allontanai un attimo. "Hai avuto qualche relazione segreta anche con Jenna? O con Sierra?"

Lui scosse la testa. "Mi dispiace non avertelo detto, pensavo fosse insignificante, in realtà."

"È diverso da Noah, Maya è la mia migliore amica" gli feci notare.

"Sei tanto arrabbiata?" mi chiese, stringendomi ancora a sé.

Impossible 2Leggi questa storia gratuitamente!