Capitolo 8.

4.1K 130 0


Harry's Pov.

Mio cugino aveva esagerato. Si, io e Louis siamo cugini. Avrei voluto prenderlo a schiaffi. Vedere Fran con le lacrime agli occhi mi ha spezzato il cuore.
Aspettai 5 minuti, poi chiesi a Liam -che era intento a dirgliene quattro- dov'era il bagno.

"Liam scusa, dov'è il bagno?"

"Di sopra, accanto alla camera di mia sorella."

"Grazie. Torno subito."

Andai verso la camera di Francesca r bussai la porta.

"Chi è?" Domandò lei.

"Sono Harry, posso entrare?"

"Fai da solo, la porta non è chiusa a chiave."

Aprì la porta e la vidi intenta a disegnare..

"Ehy stai bene?" Le chiesi cercando di essere il più delicato posdibile.

"Sì, cioè.. non mi va di piangere per quello stronzo. Però non incazzata." Disse lei.

"Perchè?"

"Perchè non mi accetto. Cioè cavolo, vedo le altre mangare schifezze ed essere modelle, e io invece che non ne msngio sono così." Disse velocemente, facendo cadere alcune lacrime sulle sue guance. Senza pensarci due volte mi alzai e l'abbracciai. Scoppiò a piangere, e solo in quel momento potei capire, quanto forte poteva essere.. anche avendo solamentre 15 anni.

Fran's Pov.

Non mi piacevo, mi odiavo. Quando Harry mi racchiuse nelle sue braccia scoppiai a piangere. Stranamente mi sentì protetta, stavo bene.

"Piccola non fare così. Ti aiuterò io, non preoccuparti."

Sorrisi a sentire quel piccola, nedsuno mi aveva mai chiamato così prima.

"Perché sorridi?" Mi domandò lui sorrdendo a sua volta.

"Niente." Mi limitai a dire.

"Cosa stavi facendo?" Chiese.

"Disegnavo." Risposi sciogliendo l'abbraccio.

"Posso vedere i tuoi disegni o è proibito?" Disse ridendo.

"No, no tieni." Gli porsi i fogli.

"Wow, sei bravissima. Questo è fenomenale.." disse commentando il disegno di una farfalla.

"Ti piace?"

"Troppo." Ammise lui.

"Se vuoi puoi tenerlo. Tanto posso rifaro."

"Davvero?" Chiese entusiasta.

"Ovvio, non mi costa nulla."

"Grazie." Disse guardandomi negli occhi, con un sorriso mozzafiato.

Ricambiai lo sguardo. Lui si avvicinò per baciarmi?! Oddio un figo come lui vuole baciarmi e.. aspetta, ho il cuore che batte all'impazzata. Non riesco a muovere un muscolo. Appena un millimetro dalle mie labbra, Louis grida dal piano di sonno.

"HARRY MUOVITI, NOI CE NE SIAMO ANDANDO. CAZZO CHE TI STAI FACENDO?!"

Harry si morse il labbro inferiore sospirando, voleva farmi svenire questo qui.

"Mio cugino mi chiama all'appello." Disse guardando in basso.

"Tuo cugino?" Ripetei stupita.

"Sì, Louis è mio cugino."

"Non vi somigliate per fortuna." Dissi sarcastica.

"Già. Domani puoi venire prima? Così ci alleniamo di più."

"Sì, perfetto."

"Beh allora vado.. sennò Louis mi uccide."

"Okay, ciao Hazz." Dissi con un sorriso sul viso.

"Ciao piccola." Mi salutò lasciandomi un bacio all'angolo della bocca. Sd ne andò sorridente, portando con se un pezzo del mio cuore.

•~•~•~•~•~•~•~•~•~•~•~•~•~•~•~•~•~•~•

Aw aw aw. *-*

Personal Trainer H.SLeggi questa storia gratuitamente!