capitolo 2

5.2K 277 103

LUCY P.O.V
Ma dov'è finito!?
Sono due ore che lo aspetto qui al tavolo, Levy è chissà dove con Gajeel.
Jluvia, mmmmh non la vedo
Erza non l'ho vista arrivare.
L'unica scema senza qualcuno con cui passare la serata sono io.
PERFETTO.
Gironzolo per un po, quando vedo una sciarpa bianca con delle righe nere
Sarà lui?
Mi avvicino, e noto che ha i capelli rosa
Okay è lui
-"Natsu!"
Gli vado davanti
-"Yo Lucy! Ma, ma lo, AHAHAHAAH, ma lo sai che hai proprio delle tette tettose?"
-"N-natsu? Stai..bene?"
Notai che eravamo al bar e nella mano aveva un bicchiere di vodka
Ah, ora capisco
-"dai su forza, ti accompagno a casa.. devi metterti subito a letto"
-"Luuucy! Da quando hai i capelli biondi?"
Gli feci mettere il suo braccio intorno al mio collo per sorreggersi, e andiamo in macchina.
Lo sistemo nel sedile del passeggero e gli metto la cintura e io mi sistemo affianco al lui.
Metto in moto e parto.

-"Luucy, andiamo a casa tua"
-"PERCHÉ!?"
-"Non voglio dormire a casa da solo.."
-"c'è happy"
-"happy sta sera non c'è"
-"Dov'è????"
-"è con charle e lily"
-"ah....aspetta..HAI PAURA DEL BUIO??"
-"EHM NO!!!"
mi misi a ridere a quella rivelazione
-"daiii dormo sul divano"
lo guardai per un istante con un sopracciglio inarcato
-"vedremo"

Alzò le mani come segno di vittoria e poi sorrise a 50 denti.
Arrivati a casa, presi le chiavi ed entriamo nel mio piccolo appartamento.
-"allora, il divano è li" dissi indicando lo con l'indice
-"si lo so, lo so, non è la prima volta che vengo a casa tua" sbuffa
-"oh! Ehm..vuoi una coperta?"
-"nah, non ho mai freddo"
-"chissà perché..."
-"èh? Hai detto qualcosa?"
-"no, ehm..vado a..mettermi il pigiama. Torno subito"
-"oooookay"

Prendo il pigiama da sotto il cuscino e vado in bagno a cambiarmi, non posso certo cambiarmi di fronte a Natsu.
Messi i pantaloncini corti bianchi, con la canottiera celeste andai dal mio beato letto, mentre stavo per rimboccare le coperte, vidi Natsu già addormentato sul divano, sorrisi
-"Notte Natsu..."
_________________
-"mmmmh" mugolai, sentendomi un qualcosa che frugava nella canotta e mi massagiava il seno,
Portai una mano all'altezza del seno per vedere cos'era, quando mi resi conto che era una mano.
Sobbalzai sul letto per la paura e trattenendo un urlo
Mi guardai affianco e non c'era nessuno

Me lo sarò sognato
Tornai sotto le coperte e cercai di riaddormentarmi.
Sentii qualcosa accarezzarmi lentamente i fianchi e le cosce da dietro, mi toccai terrorizzata con una mano quei punti per vedere cosa c'era, niente.
Madonna ma che so sti sogni??

Mi misi dall'altro lato, così per cambiare posizione.
Dopo che presi posizione, stavo per chiudere gli occhi quando, sentii un qualcosa che andava piano piano dentro i pantaloncini del pigiama
Trattenni un sospiro quando sentii che era arrivato all'orlo delle mutande, ed entrò anche in esse, per l'emozione il mio respiro incominciò a farsi irregolare quando stava per arrivare alla mia femminilità, ma velocemente fermai quella mano

Eh no porco zeref, non è un fottuto sogno
La tirai fuori dal mio intimo e andai più in profondità e potei definire un braccio, andai più infondo e sentii dei pettorali, forti e muscolosi, andai in su e potei definire un volto, seguii i lineamenti del "viso"
Con l'altra mia mano libera sposta un poco la coperta
Ca-capelli? RO-ROSA? no non ci credo come fa natsu ad essere qu-...
Ah già è vero è venuto da me sta notte
Mi giro velocemente per guardare l'orologio,
03:12
-"N-natsu..cos-.." non potei finire la frase che uscì una mano da sotto la coperta che mi mise un dito sulle mie labra per zittirmi
-"sono tutto un fuoco..."
È ancora ubriaco...cosa vorrebbe far-
Il mio respiro divenne poco a poco irregolare quando delle dita calde incominciarono a definirmi i fianchi lentamente, facendomi il solletico.
Mi lasciai andare sotto le coperte, incominciando a ridere piano per il solletico procurato da quel movimento delicato.
Lui, restando sempre sotto le coperte, mi prese i fianchi con l'intero palmo della mano e mi fece sentire il suo possente respiro sulla mia pancia, che mi fece rabbrividire. Cominciò a muovere le sue mani lentamente su e giù per i fianchi, poi, piano piano incominciò salire su, alzandomi la canottiera leggermente, tanto da far passare le sue mani sotto di essa e andare fino a sotto le ascelle che mi accarezzò successivamente in modo delicato, risi a quel movimento che mi aveva procurato un solletichio piacevole spostò quelle sue grandi mani calde che mi definirono il seno, portai lei mie braccia dietro la testa, e lui ne approfittò per mettere le mani all'altezza del seno sul materasso e si tirò su, fuori da sotto le coperte.

Si mise sopra di me, ma reagendosi sempre con le mani, ci guardammo negli occhi come non avevamo mai fatto prima. E il mio cuore perse un battito.
Non riuscii a spiegarmi però, quel sorriso di sfida che aveva stampato sulla faccia.
Perché ha quel sorriso di sfida!?
Con mia sorpresa, finì a cavalcioni su di me e si buttò sulle mie labbra, baciandomi con foga, con le sue mani libere mi tolse la canottiera restando a petto nudo, e io gli tolsi il Gilet con la sciarpa lasciandolo a dorso nudo
Sì staccò delicatamente da me, dopo di che mi mise una mano sulla bocca e mi baciò la fronte, ghignò divertito e tornò sotto le coperte.

Con la sua mano libera, passò le sue dita sulla mia pancia sfiorandola facendomi rabbrividire e sorridere, le mie gambe ero bloccate dalle sue gambe e le mie mani erano appese alla ringhiera del letto incapaci di muoversi per la debolezza che provavo in quel momento, per colpa del possente corpo di natsu su di me, mi faceva sentire debole e piccola in confronto a lui, e in realtà lo ero.

La sua mano incominciò a muoversi lentamente sui miei fianchi, poi, all'improvviso infilò un dito nel mio fianco, facendomi saltare dalla sorpresa, ma soprattutto dal solletico procurato da quel gesto inaspettato
Aspetta...non vorrà mica...N-
Risi sotto la sua mano, che teneva bloccata sulla mia bocca
Mi ha messo questa mano sulla bocca per non farmi rid-
All'improvviso strinse il mio fianco con la mano, e continuò così facendomi il solletico a crepa pelle.
Cercavo di ribellarmi e di togliere la sua presa su di me, mentre emettevo una risata soffocata a causa della sua mano sulla mia bocca e le lacrime per il ridere incominciarono a scendere.
Le sue mani sfrecciavano sul mio corpo con gran velocità procurandomi molto, troppo solletico.
Finita la tortura, perché quello era. Una tortura.

Tolse la sua mano da sopra la mia bocca e presi fiato, sentivo il suo respiro sulla coscia. Che piano piano saliva. Facendo sfiorare il suo naso sulla mia pelle procurandomi brividi infiniti e risolini, arrivato ai pantaloncini me li tolse velocemente, si soffermò sulle mie mutandine ma poi riprese a salire, fino a che non arrivò al seno. Prese tra le sue labra un mio capezzolo e lo succhiò delicatamente, mentre con l'altra mano mi accarezzava l'altro seno, ansimai un poco quando fece scende l'altra sua mano libera sulle mutandine, abbassandole un po di lato.
Con le gambe, riuscii a togliergli i pantaloni e lui rise divertito
Mi abbassò di poco le mutandine e infilò piano la mano dentro di esse
La stanza era piena dei miei gemiti quando incominciò a giocherellare con la mia femminilità, il fastidio era tanto, ma il piacere lo superava di gran lunga.

Smise di fare ciò che stava facendo e si alzò dal letto, non lo vidi. Lo sentii solo. Io ero agonizzante sul letto incapace di muovermi con gli occhi chiusi e il fiatone. Sentii aprire una bustina di plastica poi lui che sia posizionava a cavalcioni su di me sotto le coperte, con le mani fece scivolare lentamente le mie mutandine sulle mie gambe
Bene tesoro, stai per perdere la tua verginità.
Alzai le braccia per reggermi alla ringhiera e urlai quando mise due dita dentro di me
Per fortuna che è un appartamento isolato
Un gran piacere mi avvolse mentre incominciò a muoverle avanti e indietro poi le levò velocemente
E alla fine, lui, entrò dentro di me.
I suoi movimenti erano veloci e sicuri e io assecondavo ogni suo minimo movimento per prendermi tutto il piacere che potevo.
Entrava e usciva velocemente e qualche volta anche roteando dentro di dire per riempirmi tutta. Quando all'improvviso spingendo più all'interno trovò un nuovo punto che quando toccò urlai forte per il troppo piacere che mi aveva procurato
-"qui?" Sentii ridere, dalla sua voce sembrava affaticato. Cercai di annuire perché non riuscivo a parlare ma lui mi sentì lo stesso e cominciò ad andare sempre in quel punto, sempre più veloce e sicuro. Quando ad un certo punto veniamo entrambi esausti e incapaci di parlare.

Lo sentii uscire fuori da me e venì fuori da sotto le coperte e mi bacio delicatamente. Prese un po di fiato, poi mi rimise l'intimo e se lo rimise anche lui, e si posizionò affianco a me abbracciandomi
-"dovevi....dovevi stare sul diva-"
-"shshhshsh, non parlare...dormi"
Lo sentii sorridere e mi baciò. Poi ci addormentiamo entrambi profondamente....

______________
Yo minna! C'ho messo l'anima e tutto il mio orgoglio Nalu a fare questo capitolo, spero vi piaccia..
Ah! Volevo dirvi che se vedete delle serie di numeri e lettere ogni volta che c'è un nuovo paragrafo, non vi preoccupate risolverò al più presto.
Fatemi sapere se vi sta piacendo la storia con un commento e votate..
Byyyyyyy
Nalu_Hitsugaya02♥

*||She's Mine.||*-FairyTail [Completata]Leggi questa storia gratuitamente!