password ; harry styles

fourteen

Tre lunghi giorni a ripensare a quel maledetto biglietto per il cinema.

Non avevo ancora deciso, quando arrivò il fatidico 1° novembre.

Non avevo nessuna voglia di alzarmi dal mio adorato divano nero di pelle, per andare al cinema.

Avevo letto il libro, di Scrivimi Ancora, e il film potevo tranquillamente vederlo in streaming su internet, sotto le calde coperte del mio letto.

Ma infondo, il biglietto me lo aveva regalato H, giusto? Non avrei speso niente, magari solo per una bibita mentre guardavo il film.

Ma non volevo andare da sola.

Forse Eleanor era stata libera e sarebbe venuta con me?

No, sarebbe stato ingiusto nei confronti di H.

Evidentemente ci sarebbe stato anche lui.

Ommioddio, se era la persona che pensavo , non volevo proprio vederla. Proprio no.

Però, c'era la remota possibilità che lui non fosse chi pensavo.

E forse, quel biglietto che avevo trovato davanti alla porta di casa, era veramente per me e non per qualcun'altro.

Basta pensarci, dissi a me stessa.

×××

"Elle Butler." disse una voce roca dietro di me.

Sentii una mano posarsi sul mio fianco, e girai leggermente la testa per vedere il proprietario.

Per prima cosa, guardai la mano.

Una croce tatuata sotto all'indice e parecchi anelli.

Harry Styles.

Mi si mozzò il respiro e rabbrividii involontariamente, rendendomi conto che Harry Styles aveva una mano sul mio fianco.

Alzai lo sguardo suoi suoi occhi e sorrisi timidamente,  spostandomi una ciocca di capelli dal viso.

Lui sorrise ampiamente, mostrando le fossette.

"Non ti facevo così timida. Ti ho sempre vista parecchio impertinente." portò indietro i suoi capelli in un gesto quasi meccanico e sorrisi.

"Non sono timida.." borbottai mentre ridevo, "okay forse si, ma sono anche impertinente."

Rise, buttando la testa all'indietro e mi guardò un attimo in silenzio prima di parlare.

"Entri con me?" indicò la tenda che divideva la sala dove eravamo da quella con lo schermo.

"Non sei qua con la tua ragazza, uhm Sarah?" guardai dietro di lui in cerca della ragazza ma non la vidi.

"Si chiama Sasha, non è la mia ragazza e non sono qua con lei." rise piano e portò una mano sulla mia schiena, spingendomi avanti, verso la tendina che mi aprì gentilmente.

"Grazie.." lo guardai un attimo, ringraziando in modo strano,  come se stessi facendo una domanda.

Cercò di guidarmi verso le ultime file dove tre o quattro coppie avevano già iniziato a pomiciare.

Trovai una scusa plausibile e gli chiesi se potevamo andare in una fila più avanti.

"Dovrei portare gli occhiali, ma adesso non li ho con me perciò se ci mettiamo laggiù non vedrò molto bene.."

Mi sembrò di averlo visto un pò deluso, ma fu solo per una frazione di secondo, quindi credetti di essermelo immaginato.

Sorrise, mordendosi quelle sue labbra rosse e carnose e prese posto in qualche fila davanti.

Si sedette e battè la mano accanto a lui, per farmi sedere.

Mi avvicinai e proprio quando mi accomodai, iniziò il film.

×××

Ehilà patateeee!
Siamo di nuono qua.
Visto che l'altro capitolo è molto corto, abbiamo fatto questo parecchio lungo.

5,03K di visualizzazione, 600 voti e 113 commenti.

Vi amiamo, dio.


password✏️harry stylesLeggi questa storia gratuitamente!