6. Diploma

157K 6.4K 2.2K

Anche il giorno seguente mi svegliai mezz'ora prima del dovuto. Ma non a causa mia. Fu tutta colpa di mio fratello. Stava cercando di prepararsi le uova per colazione, ma poi ha fatto cadere tutte le padelle, producendo un grande chiasso e facendo correre tutti giù.

"Isaac Michael Richard Evans!" lo sgridò mio padre.

Lui ci guardò, con una padella in mano e la maglia azzurra tutta spiegazzata. "Che c'è? Devo prendere il diploma."

Mi passai una mano sul viso. La sera prima non avevo fatto tardi, proprio perché ero tornata con Jenna ed Aiden, che aveva il diploma.

"Vado a sciacquarmi la faccia e torno" dissi, seguì uno sbadiglio. Avevo i capelli legati in una crocchia disordinata, perché il caldo non mi permetteva di lasciarli sciolti. Quando arrivai in bagno, quasi non caddi per terra dallo spavento. Avevo i segni del trucco della sera prima: grosse chiazze nere sotto gli occhi che facevano invidia ad un panda. Strano che Isaac non avesse fatto alcun commento. Mi sciacquai velocemente la faccia e risistemai i capelli, poi scesi in cucina con i piedi nudi.

"Oggi è un gran giorno" esultai, scompigliando i capelli ricci di Isaac.

"Proprio così" sospirò. "Menomale che non tocca a me fare il discorso. Non devo ringraziare la North per nulla."

"Ti ha aperto le porte verso il futuro" ribatté subito mio padre.

Isaac non protestò. Marion ci consegnò le uova e, quel giorno, si sedette con noi a mangiare.

"Davvero ottime, Marion" si complimentò mia madre.

"Prendo il mio succo." Con il mio succo, intendevo il succo di frutta all'arancia. Ero l'unica che lo beveva in famiglia, Isaac diceva che era troppo aspro e che era quello a rendermi insopportabile.

"Nervoso?" chiesi subito dopo a mio fratello.

Scosse la testa. "Devo prendere un foglio, vestito come un idiota."

"Isaac" lo richiamò mio padre.

"Dai, Faith, sbrigati a mangiare perché noi andiamo prima. Con questa unione dei diplomi tra North e South ci sarà un casino per i posti" mi incitò mia madre.

"Ancora non capisco questa vostra scelta" borbottò mio padre.

"Almeno Faith non impazzisce tra una scuola e l'altra" rispose Isaac, poi si alzò. "Io vado a prepararmi, tanto non ha molta fame."

"Sei nervoso" intuii. "Certo che sarà strano distinguervi con le toghe dello stesso colore."

"Nah, noi siamo blu, la South è rossa, non cambia nulla" mi spiegò.

"Okay, vado a prepararmi anche io" dissi, scattando in piedi. Bevvi tutto il succo in un solo sorso e pregai di non sentirmi male più tardi.

In camera, tirai fuori una semplice gonna a motivi floreali e un top bianco da infilare dentro. Così lo indossai e poi infilai anche le scarpe. Avevo sopportato i tacchi un giorno, non volevo resistere un altro ancora. Non avevo mai partecipato ad una consegna dei diplomi ad un liceo, non sapevo neanche come funzionassero bene le cose. Sentii il telefono squillare e quasi trasalii al suono.
Fortunatamente, era solo Maya.

Ci vediamo direttamente alla cerimonia?

Aggrottai le sopracciglia. Non pensavo venisse, ma le scrissi comunque un okay come risposta. Sperai anche con tutto il cuore che Jenna non avesse detto a nessuno dei messaggi che ci arrivavano. Non sapevo come interpretare una risposta del genere e proprio quando stavo tirando fuori il coraggio di dirlo a Travis, lui o lei mi aveva fatto capire che nessuno doveva saperlo.

Impossible 2Leggi questa storia gratuitamente!