Talk Dirty To Me

5.4K 43 3

«Oh si...»
Harry amava succhiare il cazzo duro di Louis, amava avere la bocca piena di quella carne deliziosa, che ormai gli apparteneva da tempo.
«Succhia lurida puttana, ti piace eh? Ti piace non è vero? Oh si, mmh Harry...»
Le labbra del riccio continuavano a scorrere su e giù per l'asta del cazzo di Louis, amava sentirsi dire quelle cose, amava sentirsi sporco per Louis.
Harry incominciò a soffermarsi sul glande e a succhiarlo avaramente, gustandosi il suo sapore, il suo sapore preferito, cosa che mandò in tilt Louis, che prese i capelli del riccio e incominciò a guidare la sua testa contro il suo cazzo.
Attorcigliava la lingua attorno al margine della parte sensibile e la passava tra la linea di mezzo, andando a stuzzicare con la punta della lingua il condotto.
«Oh, oh si...mhh»
Mugolava Louis, con la bocca spalancata e gli occhi chiusi.
«Oh Harry, mi piace così tant- Oh! Oh si, mmmh, amo come succhi il mio cazzo, lo fai così ben- ah, ahhh» continuò a parlare Louis, che sapeva a sua volta che dicendo quelle cose al riccio, lo incentivava ad impegnarsi di più.
Intanto che succhiava, il ragazzo dagli occhi verdi, massaggiava e segava la base del cazzo dell'altro.
Harry fece roteare la lingua intorno al glande di Louis per l'ultima volta e poi riprese in bocca tutta l'erezione.
«Oh si...mmh cazzo ah, si, H-Harry sto per venire, ah» fece in tempo a dire Louis tra i gemiti.
Ma Harry non aveva intenzione di farlo venire in quel modo, così si fermò e lasciò l'erezione di Louis dolorante.
«Bastardo...ah» ansimò Louis.
«Cosa vuoi da me, Harry?» chiese sussurrando.
«Voglio che mi scopi, voglio che mi scopi così forte da non vedere più niente Lou, voglio avere il tuo cazzo dentro di me più di qualsiasi altra cosa al mondo...» piagnucolò il riccio che si era alzato in piedi e ora si stava posizionando sui fianchi di Louis.
A Harry non interessava essere preparato, e Louis lo sapeva bene, sapeva quanto piaceva al riccio essere sbattuto violentemente, sapeva che Harry voleva provare dolore prima, per lui era quello il sesso vero.
«Vuoi che ti scopi contro il muro come una ragazza cattiva Harry? È questo ciò che vuoi?» chiese il liscio facendo sbattere il suo bacino contro quello di Harry.
«Si Daddy...lo voglio tanto» rispose il riccio mordendosi il labbro e guardando negli occhi Louis.
Louis non se lo fece ripetere due volte e spinse Harry contro il muro della stanza, facendo combaciare la guancia destra del riccio, incandescente, con la superficie liscia e fredda.
Louis fece cenno a Harry di rimanere in quella posizione e prese un preservativo, che si srotolò intorno al cazzo, prese il lubrificante e ne cosparse il suo pene.
Appena Harry sentì la punta dell'erezione di Louis sulla sua apertura, ghignò soddisfatto, volgendo il suo sguardo voglioso al ragazzo che pochi secondi dopo avrebbe affondato il proprio cazzo nella sua carne calda.
«Sei pronto ad urlare il mio nome?» chiese Louis spingendo sempre più a fondo la sua erezione.
«Oh Louis...» gemette Harry, che spalancò la bocca e strizzò gli occhi quando ad un tratto sentì l'intero membro di Louis dentro di se.
Il liscio lasciò che dalla sua bocca uscisse un gemito lungo e soddisfacente.
«Oh, Dio Louis...lo amo»
Aspettava che Harry si abituasse un minimo prima di incominciare a spingere ma il riccio stava già muovendo il bacino disperatamente segno che riusciva a sopportare il dolore e che voleva di più.
«Scopami Daddy mh» piagnucolò Harry voglioso.
E Louis non se lo fece ripetere due volte, incominciò a muoversi ritmicamente, affondando il suo cazzo dentro il buco stretto e caldo di Harry.
«Oh Daddy, più forte! Scopami più forte e più veloce! Oh si!» incominciò a grugnire in estasi Harry.
Harry amava la sensazione del cazzo duro di Louis che si faceva strada dentro di se.
Louis era in estasi, il riccio gemeva così oscenamente che quando colpì la sua prostata si mise ad urlare.
«Ah! Oh si! Ancora lì! Oh, ti prego Louis!» gridò Harry strizzando gli occhi.
Louis stringeva possessivamente i fianchi del riccio e faceva sbattere il suo bacino sul suo culo sodo.
Continuò a colpire di seguito la prostata di Harry, che stava davvero incominciando ad urlare, emetteva un verso acuto ad ogni stoccata, tono molto diverso dalla sua voce normale.
«Mh Louis, sono la tua puttana vero? Oh si...» chiese Harry voglioso mentre cercava di strozzare i gemiti per parlare.
Quelle parole fecero aumentare il ritmo a Louis, che era davvero, davvero, molto vicino all' orgasmo.
«Oh si Harry, sei la mia puttana personale, ti piace avere il mio cazzo dentro mh? Grida, grida per me!»
Ma Harry lo stava già facendo e quelle parole fecero arrivare la sua mano a toccare la sua erezione, già completamente formata.
«Oh, Oh...Più veloce Ah si! Si! Oh Si! Dio Louis!»
Dentro e fuori. Dentro e fuori. Veloce, secco. Dentro e fuori.
«Ah si! Ah! Lo amo! Oh...siii»
Anche Harry stava per venire, così decise di avvertire Louis.
«Daddy, Daddy sto per venire! Il tuo cazzo mi sta facendo venire Daddy!» gridò prima di riversarsi completamente contro il muro.
Louis a quelle parole, diede ancora qualche spinta e poi si riversò nel preservativo.
Dopo tutto, anche se le loro erano scopate selvagge, era ciò che accadeva alla fine che faceva capire che non era solo sesso.
Louis si buttò tra le braccia di Harry e gli baciò il petto, esausto.
Harry gli accarezzava la testa e si beava di quel dolce momento, che gli faceva capire che tra loro era amore.
«Harry...»
«Dimmi Lou...»
«Scusa, per averti dato della puttana...»
«Oh...ehm, te lo avevo chiesto io quindi...»
Louis guardò negli occhi il suo piccolo Harry e sorrise dolcemente.
«Ti amo tanto Harry
«Ti amo anche io Lou, non sai quanto».

Spazio autrice
Come potete notare, magicamente toppa Louis, anche se tutto ciò finirà molto presto.
Come potete notare c'è molto "Dirty talking" in questo capitolo.
Questo perché lo trovo una cosa estremamente eccitante e quindi mi andava di metterlo, se vi da fastidio e volete più dettagli ditemi pure, non è un problema :).

HarderLeggi questa storia gratuitamente!