La mattina seguente mi svegliai tranquilla. Anzi, anche mezz'ora prima del dovuto. Aiden e Jenna mi sarebbero passati a prendere, dato che Travis sarebbe stato con la famiglia per la mattinata.
La cerimonia iniziava alle undici al Gold, quindi i fratelli White volevano passarmi a prendere mezz'ora prima, anche se il ristorante non distava tanto da casa mia.

Mi alzai con calma e feci anche colazione da sola. Stavano ancora dormendo tutti quanti, così non mi preoccupai di preparare la colazione anche a loro.
Tagliai un po' di frutta e la misi in una ciotola, poi presi anche il succo di frutta all'arancia e un paio di biscotti al cioccolato che spezzavano tutto quanto.

"Fame?"

Sobbalzai alla voce di mio fratello. "Isaac! Ma che ci fai sveglio a quest'ora?"

"Sono le otto, Faith, non le cinque" rispose, andando ad aprire il frigo.

"E allora?" ribattei. "È domenica, di solito dormi come un ghiro."

"Non ho dormito tutta la notte-" Gli scappò uno sbadiglio. "Non so come mai."

"Okay" mormorai. Finii i biscotti, poi iniziai a mangiare la frutta, che per fortuna era ancora fresca dato che era stata in frigo. Bevvi anche il succo e poi mi alzai.

"Hai il matrimonio, oggi?" chiese.

Annuii. "Sì e devo ancora prepararmi."

"Beh, allora va', no?"

Annuii di nuovo e corsi al piano superiore, cercando sempre di non svegliare i miei. Tirai fuori dall'armadio un vestito che avevo usato per una vecchia cerimonia con i miei, ad aprile, e lo buttai sul letto. Corsi subito anche a prendere le scarpe e sospirai quando sentii, finalmente, la sveglia di mia madre suonare. Ero stanca di camminare piano per non fare troppo rumore. I passi, grazie al parquet, risuonavano anche troppo.

Infilai velocemente il vestito rosa opaco e poi anche le scarpe con il tacco, quindi riuscii a fare i boccoli ai capelli e li portai tutti su un lato.

"Pronta?" Mia madre entrò di scatto nel bagno, cogliendomi di sorpresa.

"Adesso si" risposi. "Cioè, devo soltanto truccarmi."

"I tuoi amici saranno qui tra poco, sbrigati" mi disse.

"D'accordo" mormorai. Mi truccai leggermente, come facevo sempre, proprio perché non sopportavo il trucco troppo pesante. Un filo di eye-liner, il mascara e un lucidalabbra alla pesca andavano più che bene.

Aiden e Jenna arrivarono alle dieci e venti precise. Io ero già pronta e stavo appunto prendendo la pochette nera, per mettere dentro il cellulare.

"Poi vi faccio sapere a che ora torno" dissi, rivolta a mia madre.

Lei annuì tranquillamente. Non avendo nulla da fare, si era offerta di aiutare Marion a preparare il grande pranzo per quella giornata. Sarebbero arrivati gli Hart da un momento all'altro e, fortunatamente, io me ne stavo giusto andando.

Entrai in macchina e salutai i due fratelli. "Non pensavo conosceste Melanie" dissi poi.

"Conosco Travis da una vita" mi spiegò Aiden. "E anche tutta la famiglia."

"E se invitano lui, invitano anche me" continuò Jenna. "Menomale, speriamo di mangiare bene."

Vidi Aiden roteare gli occhi, così scoppiai in una fragorosa risata.
Non ero agitata, ma immaginai quanto potesse esserlo Melanie. Sposarsi era davvero un grande passo da compiere e io pensai che, forse, non lo sarei mai stata. Prendevo più in considerazione l'idea di andare a convivere, prima, fare dei figli, proprio come lei e Matt avevano deciso. E, poi, magari, sposarsi.

Impossible 2Leggi questa storia gratuitamente!