Capitolo 27

20.3K 1.3K 250

-Quale auto preferisce signorina?- mi domanda il ragazzo indicandomi una lunga fila di automobili sportive.
Sapete credo non essere mai stata così muta in tutta la mia vita, a quanto ho capito sia Rosi che Axel hanno un Garage a testa, dove conservano innumerevoli automobili costosissime, con l'unica differenza che il principe diversamente dalla sorella, al posto di macchine d'epoca, ha sfavillanti e magnifiche moto di tutti i tipi.

Io cammino per il garage, indicandogli poi una Lamborghini nera. Mi sarebbe piaciuto andare su una bella Yamaha o su quella stupenda Ninja rossa, ma ho il vestito e i tacchi e non intendo rovinarli.

-Perfetto!- esclama il ragazzo afferrando da uno scaffale un mazzetto di chiavi.

Sto cercando di essere il più naturale possibile, ma non sono abituata a tutto questo lusso. Inoltre sono assai angosciata.
Dopo questa sera io ed Axel ...
Tra noi ...
Insomma, finirà tutto. Qualsiasi cosa sia cominciata.

"Dovete chiudere questa pagliacciata Lyä! Sai che è la cosa migliore per tutti!"

Si, lo so.
Lui è il principe dei Vampiri, ed io sarei diventata la futura Alpha se non fosse accaduto tutto questo.
Lui non può, e non deve avere l'innamoramento con me!
Anche se la ritengo una cosa impossibile.

Entrambi saliamo sulla lussuosa auto sportiva, chiudendo gli sportelli.

Sono agitata, frustata e abbastanza ... triste?

È giusto così, Lady Mariam ha ragione, cosa farà Axel se avrà l'innamoramento con me!? Con una donna che non potrà mai renderlo del tutto felice, con una Sangue di Lupo ... ?
Non può di certo sposarmi!

Sono talmente assorta nei miei pensieri, che non mi sono nemmeno accorta che nel frattempo il giovane aveva messo in moto l'auto.

-Ti vedo pensierosa Lupetta- fa lui sfrecciando come un pazzo in mezzo alla strada.

Io mi tengo stretta al sedile, cercando qualche scusa da raccontare al giovane -Con un pazzo del genere al volante, cosa ti aspetti che faccia-

Lui si limita a sorridere compiaciuto -Ma almeno ce l'hai la patente?!- domando io sempre più spaventata.

"Per ora ci è cascato ..."

-Si, non si vede?- sghignazza divertito, aprendo le sue labbra in quel maledetto sorrisetto compiaciuto.

-Ti odio quando fai così!-

-Oh, Lupetta non mentirmi!- dice il ragazzo guardandomi maliziosamente.

-Non ti sto mentendo!-

-E invece si!-

-No-

-Si!-

-No.-

In pratica abbiamo passato il resto del viaggio a discutere fra di noi come due bambini.

Dopo mezz'ora di macchina, finalmente il mezzo si ferma.
Davanti a me, vi è un meraviglioso ristorante, dalla scritta argentea, estremamente elegante "La Favola".
Quando entriamo, mi rendo perfettamente conto del perché gli abbiano assegnato questo nome.

"Dio è bellissimo"

Le chiome degli alberi, disposti fra i tavoli bianchi, creano una specie di tetto, decorato con delle deliziose luci bianche gialle, dando l'idea di avere una miriade di lucciole svolazzanti nel cielo notturno.
Un mondo incantato fatto di magia e romanticismo.
Ho la bocca spalancata e non posso far a meno di sbattere le ciglia incredula di ciò che ho davanti agli occhi.

-Sapevo che ti sarebbe piaciuto- dice il ragazzo afferrandomi per un fianco, costringendomi a camminare assieme a lui.

Non dovrei dargli false speranze ... dovrei andarmene da qui ... dovrei ...

La ragazza Lupo [in revisione]Leggi questa storia gratuitamente!