2. Troppi baci per la madre recitazione!

Comincia dall'inizio
                                    

"E- ecco così dovrebbe andare bene" riuscii a dire e probabilmente il mio viso era diventato color peperone.

"E' bellissimo,complimenti"

Tu sei bellissimo.

"Tu sei bellissimo"

Ecco la mia boccaccia che parla a sproposito di nuovo. Invece di impormi tutto ciò che avevo detto prima evidentemente ci gioiva del fatto di farmi scoprire a sbavare per lui.

Boccaccia odiosa.

Probabilmente sarei dovuta uscire con lo scotch sul viso perché tendevo spesso a dire quello che pensavo. In realtà avevo forse un handicap tra il pensare e il dire.

Alexej rimase fermo sul posto con gli occhi spalancati. Poi mi guardò negli occhi profondamente per diversi minuti senza dire una parola. Ed io ero ancora bloccata con le mani sulle sue spalle.

Sì Charlotte fingi di aggiustargli il vestito. Ormai sei stata beccata.

L'unica soluzione era litigare.

Sì litighiamo!

"Grazie" sussurrò poi con un tono di voce fin troppo sensuale e ciò fece cadere ogni chance di litigare con lui.

Mi staccai da lui,ma mi afferrò un gomito delicatamente e lo guardai di nuovo negli occhi.

Mi resi conto che stavamo pensando alla stessa cosa.

Stavamo pensando allo stesso bacio.

E adesso che avremmo recitato come Romeo e Giulietta che cosa sarebbe successo?

"Mi stavo chiedendo ..." disse ad un tratto per poi baciarmi inaspettatamente.

Le sue labbra presero possesso delle mie non solo con tenerezza,ma anche con passione. Quasi come se gli fossero mancate le mie labbra.

Le sue braccia mi strinsero per la vita e il mio corpo aderì al suo.

Quando schiusi le labbra,Alexej approfondì il bacio e mi persi completamente.

Non mi importava più di niente in quel momento. Solo che mi piaceva da matti essere stretta dalle sue braccia e baciata da lui in quel modo.

Ma poi pensai che non doveva più succedere nulla. Non potevo permettermi di lasciarmi andare in questo modo così con lui.

No Charlotte,metti fine a tutto questo!

Mi staccai da lui a malincuore e ripresi il respiro lentamente.

"Che cosa ti salta in mente?!" esclamai come difensiva.

Sì sei un genio Charlie,mi rimproverò la coscienza.

Alexej inarcò un sopracciglio sorpreso,era come se mi stesse dicendo:

"Davvero mi stai domandando questo?"

"Non mi hai respinto,Collins questo dovrebbe bastare."

"Vuoi che ti faccia un applauso?! Perché lo hai fatto?"

"Perché mi andava e anche tu lo volevi" sussurrò.

"No,no,no! E poi tu non stai con Ellie?"

"Io e lei ci frequentiamo"

"Menomale che ne sei consapevole" borbottai andando a riprendere il resto dei vestiti e recarmi all'uscita del gazebo.

"Che cosa fai scappi?" domandò avvicinandosi lentamente.

"Io non scappo per tua informazione!"

"Oh io invece credo di aver capito! Ti è piaciuto baciarmi però poi scappi,è strano"

Come innamorarsi in teatroDove le storie prendono vita. Scoprilo ora