2. Troppi baci per la madre recitazione!

65 0 0
                                    

No.

Mi doveva baciare?! Come prova?!

Ma Dio mio!

Alexej annuì e un momento dopo mi voltò di profilo in modo che mi potesse guardare negli occhi.

Deglutii davanti al suo sguardo profondo.

Come poteva essere così bello?!

Il cuore scalpitava nel petto e le gambe tremavano.

Perché ero cotta di lui?!

Perché mi trovavo in quella strana situazione?!

Alexej lentamente mi prese la mano se la portò alle labbra senza smettere di guardarmi negli occhi. Mi baciò la mano per poi prendermi delicatamente il mento e avvicinare il mio viso al suo.

In tutto ciò io non capivo nemmeno come mi chiamassi e quando fossi nata.

Un momento solo passò prima che le sue labbra si posassero sulle mie in una lentezza estenuante.

Le sue braccia mi strinsero i fianchi delicatamente e ciò mi permise di non cadere per terra a causa delle gambe tremanti.

Il bacio,che inizialmente era paragonabile ad una carezza,divenne più esigente e quando la sua lingua schiuse dolcemente le mie labbra sentii il suo sapore.

Menta e qualcosa di indecifrabile.

Avevo appena scoperto il Paradiso.

La sua mano percorse la mia guancia e il mio braccio,mentre le sue labbra si prendevano ciò di cui bisognavano.

Infine mi accarezzò una ciocca di capelli e sciolse il bacio.

Cercai di misurare il respiro,ma fu difficile per me. Fu difficile tornare alla realtà.

Okay. Alexej Jenkins baciava bene.

Del resto mi ero tolta uno sfizio ...

"Perfetto. Sei ufficialmente Giulietta! Avete un'intesa straordinaria. Bravo Alexej e brava Charlie,del resto ne hai anche le fattezze. I capelli rossi,sei minuta e hai gli occhi chiari! Perfetta!"

"G- grazie" balbettai,quando mi voltai verso Alexej non c'era più.

Mi diressi dietro le quinte verso il camerino di Alexej.

La porta era aperta,si era cambiato.

Adesso indossava un paio di jeans e una felpa.

Ma non avrebbe mai saputo che per me quel bacio era stato meraviglioso.

Non era il primo che avevo baciato. Ma era stato il primo a darmi delle emozioni incredibili.

"Alexej posso parlarti?" gli domandai.

Lui annuì stancamente.

Mi chiusi la porta alle spalle e mi sedetti di fronte a lui.

"Come ... Come sapevi che mi piace recitare?"

"L'ho semplicemente visto. Quando siamo in teatro sei felice e guardi il palco e gli attori con invidia."

Non te. Tu sei eccezionale. Sei perfetto.

"Io .."

"Non serve che ti giustifichi è un bel ruolo Giulietta " sussurrò.

"Credi davvero che tra noi due ci sia sintonia? Come ha detto David?"

"Sei lui ha detto di sì evidentemente ce l'abbiamo" disse ridacchiando.

"E tu che cosa ne pensi?"

Come innamorarsi in teatroDove le storie prendono vita. Scoprilo ora