we accept the love we think we deserve

69 11 0

CAPITOLO 34

Lo bacio situando le dita fra i suoi ricci per poi tirarglieli leggermente.
Sorrido tra le sue labbra allontanandomi.
"Harry"
"Ti amo" abbassa lo sguardo.
"Perchè?"
"Non c'è un motivo, ti amo e basta"
"Se tu mi ami un motivo c'è o non mi ami veramente? Perchè io non sono proprio..." lo zittisco con un bacio a fior di labbra.
"Maledizione Harry! Io ti amo, tanto anche, mi sono affezionata a te in un modo incredibile. Lo so che può sembrare sciocco, ma con te mi sento bene, ho sempre le farfalle nello stomaco. Ho detto farfalle? Volevo dire elefanti. Sei fottutamente sexy e bello. I tuoi occhi fanno battere a una velocità smisurata il mio cuore. E...cazzo, cazzo. Hai quel carattere per cui a volte ti vorrei pigliare a schiaffi, vorrei capirti di più perchè sei così strano. Ma questa tua stranezza mi fa andare il cervello in palla. La verità è che penso di non meritarti perchè sei troppo per me e io sono troppo poco e sono un casino. E tu sei anche così innocente e dolce...e divertente...e pervertito. Mi piaci, mi piaci. Mi fai impazzire e odio i discorsi così lunghi,ma ti amo Harry. Ti amo" arrossisco trovando le mie calze interessanti.
E per la prima volta in vita mia vedo il ragazzo di fronte a me con li occhi lucidi e pieni di gioia.
Mi prende a mò di sposa e mi fa stendere sul divano producendo una risata magnifica.
"Ti amo" mi da un bacio sulle guance, sul naso e sulla fronte.
"Ti amo, ti amo" ripete inziando ad amoreggiare con le mie labbra e accarezzando i fianchi formando cerchi immaginari con le sue grandi lunghe, ma stupende, dita.
"Harry" lo spingo per prendere fiato.
Ci guardiami intensamente e ripenso a com'è iniziato tutto ciò. Come ho fatto ad innamorarmi di uno così? I miei sentimenti verso di lui so che sono forti e sinceri, sento che andrà bene questa volta. Lo so
"Cosa vuoi fare ora?" cerco di distogliere lo sguardo imbarazzata, però prende il mento e alza in modo delicato il mio viso verso i suoi smeraldi.
"Alex, chiedimi cosa vuoi e lo facciamo" sorride dolcemente.
Gli stampo un bacio sulle labbra per poi scuotere la testa. Spero non abbia capito, sarebbe troppo umiliante.
"Dai"
"Non lo so" scrollo le spalle con indifferenza.
"Okay, allora ce ne staremo qui sdraiati finchè non ti deciderai a fare qualcosa, qualsiasi cosa" scandisce bene le ultime parole con malizia e divertimento allo stesso tempo. Si mette su un fianco continuando a scrutarmi.
"Sei serio?" ruoto gli occhi al cielo pentendomene.
"Scusa io non volevo"
Aggrotta le sopracciglia confuso: "Non capisco".
"Non sopporti quando la gente ruota gli occhi al cielo o sbaglio?"
"Sì, ma ora lo trovo solo divertente" fa un sorriso a trentadue denti mandadomi su tutte le furie.
"Cazzo Harry!"
"Che ne dici di andare a fare una passeggiata?" propone. Vuole solo farmi innervosire e ci sta riuscendo alla grande.
"Voglio fare l'amore con te" me ne esco sentendo le goti bollenti. So che l'abbiamo fatto da poco, ma ho bisogno di risentirlo.
"Come?" sgrana gli occhi ridacchiando.
"Non me lo far ripetere"
Quasi svengo dal battito accelerato dei nostri cuori. Glielo posso sentire quando mi abbraccia per poi far ritorno sulle mie iridi.
"Amo il fatto che tu lo chiami amore, piccola" si fa serio inziando a baciarmi e allo stesso tempo togliermi la maglia. Ma prima di continuare si alza e va in camera sua velocemente per prendere un preservativo...

"Non ci posso credere!" mi si illuminano gli occhi.
"Sushi!" batto le mani per poi fiondarmi sul piatto.
"Golosona!" ridacchia con quel luccichio negli occhi.
Come risposta scrollo le spalle e continuo a mangiare gustando il tutto.
"Sai..." inizia e gli rivolgo la mia attenzione.
"Sono felice che tu abbia riniziato"
"Riniziato che?"
"Ad essere in pace con te stessa, col tuo corpo, con il cibo, con me"
Annuisco arrossendo. Non sono proprio in pace con il mio orrido corpo, perchè sì, per ora continuo ad odiarlo, ma di meno. Specialmente quando Harry mi tocca in quel modo ...
Non finisco di sognare ad occhi aperti che suonano alla porta.
"Vado io" dice Harry alzandosi.
"Che ci fai tu qui?" o no, non dirmi che è...
"Zayn" sorrido falsamente. Ma a quanto pare non c'è solo lui.
"Louis?"
"Ciao bellezza" si avvicina per darmi un bacio sulla guancia.
"Scemo" lo spingo infastidita.
"Non pensavo fossi amico di Zainetto" replica Harry.
"Infatti non lo siamo" dice quest'ultimo irritato.
"Siami venuti qui contemporaneamente"aggiunge.
Mi alzo e gli vado incontro incrociando le braccia: "Allora, che ci fai qui?"
"Non mi è piaciuto il modo in cui hai attaccato il telefono prima"
"Zayn, hai confuso tutto okay? Era solo un uscita da amici"
"Lo so, lo so" si volta dall'altra parte.
"Ora te ne puoi andare" si intromette Harry con sguardo fisso su di lui.
"Ciao Alex"
"Ciao"
In fondo mi dispiace, ma per adesso è meglio che se ne va. Non voglio che i due litighino per nulla, so che vorrebbero prendersi a botte, o meglio Harry lo vorrebbe.
"Vado in bagno" dice Styles e in tutta risposta annuisco.
"Louis vuoi qualcosa da bere o mang..."
"O baciare?" ruoto gli occhi al cielo.
"Una birra?"

"Non è da troppo tempo in bagno?"
"Starà cagando, lascialo in pace" lo spintono ridendo.
"Ma quanto sei stupido" continuo.
"Io vado a controllare"

"Harry!"
"Si?"
"Tutto bene?"
"No" entro dentro senza pensarci e lo vedo seduto sulla tavoletta con i gomiti sulle ginocchia e le mani che gli coprono il viso e i ricci che gli ricadono.
Mi avvicino e mi inginocchio di fronte a lui.
"Che c'è?"
"Sai che ti amo vero?" la domanda mi lascia abbastanza perplessa, ma decido di rispondere comunque.
"Sì certo"
"E sai vero che se sei felice con lui non sei obbligata a stare con uno come me?"
Spalanco gli occhi agitandomi subito.
"Harry che cazzo stai dicendo?"
"Feminuccia" aggiungo.
"Come?" mi rivolge lo sguardo e spaventata indietreggio.
"Perchè ti allontani Alex" cado completamente indietro e sbatto la testa.
"O Dio, stai bene" mi aiuta a rialzarmi.
"Sì, sì sto bene, lasciami in pace" prima che vada mi blocca un braccio e il mio petto si avvicina al suo.
"Che hai?"
"Tu che hai! Tu che hai cazzo!"
"Ma che cazz.." faccio per tirargli uno schiaffo che però schiva per un soffio.
"Alex!" urla
"Se devo stare con uno che non lotta minimamente per me dimmi che senso ha tutto questo! Ma sappi che non riuscirai a farmi andare da te ancora una volta. Sono stanca di giocare. Ti voglio una volta per tutte e affronterò anche le prove più difficili per te! Hai capito!?" lacrime di rabbia, guance arrossate e respiro pesante sono l'unica cosa che ricordo prima di essere baciata dal mio amore.
A volte pensiamo di accettare l'amore che meritamo e so, so che lui è ciò che merito.
"Ti amo Alex"
"Ti amo Harry"

You make me  dieLeggi questa storia gratuitamente!