Sembrava un'autentica follia, ma tutto quello che Harry e Lily fecero fu andare a casa di lei -visto che Zack non c'era- per poi chiudersi la porta alle proprie spalle.

-perché siamo qui?-

Harry non riuscì a rispondere alla domanda della ragazza, si avvicinò a lei e le posò possessivamente le sue labbra contro, facendole aderire perfettamente.
Si sentiva a casa.
Si sentiva a casa dopo tutti quegli anni.
Il ragazzo riuscì a staccarsi solamente un istante dopo per vedere lo sguardo di Lily, velato di lacrime mentre continuava a toccare dolcemente la sua guancia.

-ti ho aspettato per così tanto tempo- disse lei piangendo.

Harry le passò le sue grandi dita sotto gli occhi per toglierle quelle lacrime amare.

-il nostro è un amore che non ha tempo, Lil-

Alla ragazza quasi scoppiò il cuore sentendo di nuovo la voce di Harry chiamarla così.
Lil.
Harry riusciva a pronunciare quelle lettere con così tanta passione che era davvero una cosa difficile da dimenticare.
Lily capì che nonostante il tempo e la malattia, su alcune cose Harry non era cambiato.
Su alcune cose Harry era lo stesso Harry di tanti anni fa, con il suo tenebroso passato e le sue insicurezze da ragazzo frustrato.
Harry era il suo Harry.

-è stato così difficile cercare di trattenere tutto ciò che provavo quando quella sera ti ho incontrato- disse Lily cercando di trovare piccole boccate d'aria tra un bacio e l'altro.

Ora avevano bisogno l'uno dell'altra.
Erano fintamente insieme, nonostante tutto.

-sentivo di averti già conosciuto.
Avevi un aspetto così...-

Harry ci pensò un secondo fissando i grandi occhi espressivi di Lily.
Il ragazzo, ormai sorridente, dentro gli occhi di Lily poteva leggere solamente un'emozione: la felicità.

-..diverso- concluse Harry posando ancora le sue labbra contro quelle di Lily, mentre la ragazza continuava a ricambiare amorevolmente.

-diverso?- chiese curiosa Lily, fermando il bacio.

-non eri come le altre ragazze.
Con questi particolari capelli corti, questo sguardo sincero, con un sorriso impeccabile..- Harry le toccò la guancia sorridendo.

-..con la giacca decisamente troppo grande per la tua corporatura- puntualizzò il ragazzo divertito, mentre continuava a stringerla a se, per proteggerla.

Lily sorrise sotto il suo piccolo accenno di barba, ricordando quel giorno dopo la sua scarcerazione, piombatosi nel suo appartamento, con una folta barba ispida.

-in realtà..è sempre stata la tua giacca-

Quella parole fecero fermare per un secondo Harry, permettendogli di fissare Lily con un vago accenno di sorriso sulle labbra.

-e l'hai tenuta per tutto questo tempo?- domandò Harry sarcastico, ma allo stesso tempo curioso di sapere la risposta.

Per lui era importante saperlo.
Per lui era ormai fondamentale sapere ogni cosa.

-beh ha il tuo odore sopra.
Anche se la lavo, continua sempre a rimanere quel retrogusto di Harry.
Dell'Harry che amo e che amerò sempre-

La ragazza sorrise fissando le iridi verdi di Harry, ormai luccicanti e felici.
Le stampò un ennesimo bacio sulle labbra, prima che Lily potesse gettare la borsa e la giacca sul divano, rimanendo con un'adorabile maglietta di cotone a righe arancione e bianca, tornando a guardare Harry per pochi secondi.
La ragazza aprì la bocca per respirare, quando notò il cambiamento improvviso sul volto di Harry.
Lily riusciva a capirlo semplicemente dagli occhi del ragazzo, se un attimo prima erano raggianti e felici, ora erano diventati cupi, del loro solito verde scuro, segno che Harry stava meditando su i suoi pensieri contorti.
Quel lato del suo essere non sarebbe mai andato via.

28 Days::Leggi questa storia gratuitamente!