Sam era molto tesa, lo potevo capire dalla maniera in cui mi stringeva la mano.
Durante il pranzo tutto era andato bene, i nostri genitori conversavano e noi ragazzi scherzavamo.
La ragazza di Niall, Trisha, era molto bella e simpatica, proprio come lui.

Durante il discorso, Sam tremava e parlava con un fil di voce così decisi di aiutarla.
"Lucas è nostro figlio.E da ora siamo ufficialmente una famiglia"
"Ci amiamo e, che vi stia bene o no, nessuno potrà più dividerci"conclusi sorridendo.

Tutti si alzarono in piedi per applaudire, chi con facce sconvolte, chi con facce felici o perplesse.
A turno venirono ad abbracciarci per congratularsi con noi e noi ricambiammo sorridendo.

Ora potevamo finalmente iniziare la nostra vita familiare...

"Sai Sam, tu mi sei sempre piaciuta. Ho sempre visto l'influenza che avevi su mio figlio e ho sempre desiderato che vi uniste come coppia ufficialmente. Ora avete un bambino e beh, sono diventata nonna!"trillò mia madre abbracciando forte la mia ragazza
"Sono ancora un pò scossa sai, ma é normale penso. Posso capire il perché della tua bugia ma sono felice che questo non ha complicato nulla tra me e mio figlio. Comunque, benvenuta in famiglia"disse dandole un bacio sulla guancia
"Grazie mille, sono contentissima di tutto ciò"rispose Sam piangendo di gioia.

"Oh Louis, che aspetto ha, avere un figlio?"mi chiese il padre di Sam dandomi una pacca sulla spalla
"È tutto diverso ma è tutto più bello,amo sua figlia e se lei crede che stia con lei solo per colpa del bambino si sbaglia di grosso.Sa,inizialmente volevo essere il padre di Lucas a tutti i costi e ora sono felicissimo della vita che mi ritrovo.Non me lo aspettavo,okay,ma non ho nessun rimpianto"dissi convinto
"Ti credo Louis,ti credo.Guardi mia figlia con gli occhi che solo un innamorato ha e lei lo stesso.Sono felice che tu abbia preso questa notizia lietamente e ora anche io mi sento più calmo.L'idea di vedere quel piccolo bambino crescere senza padre mi rattristava molto ma ora...ora posso solo augurarvi una felice e serena vita. Buona fortuna e benvenuto in famiglia!"rispose il sign. Horan alzando un calice
di spumante in aria.

"Posso farle una domanda?"chiesi dopo qualche minuto
"Dimmi pure,figliolo"
"È da un pò che ci penso ma con Sam non ne ho mai parlato,sa...ora siamo una famiglia e vorrei portare lei e il bambino a vivere a casa mia.Se non le dispiace " sussurrai
"Oh Louis,sai penso che Sam ne rimarrá felice ma...ne sei sicuro?Mantenere una famiglia è dura soprattutto alla vostra età. Io al posto tuo avrei timore sa?"disse leggermente ridendo
"Se glielo dico è perché ne sono sicuro,mi creda.Sam potrà continuare a studiare e io lavorare nello studio di registrazione qui in cittá il pomeriggio.Poi,nel tempo libero,verremo a salutarvi."
"Okay Louis,ti credo.Tu mi sei sempre piaciuto come ragazzo quindi il 'via libera' te lo do ma naturalmente é con Sam che devi parlarne. Anche io è mia moglie abbiamo trovato casa,è da queste parti.Comunque,non preoccuparti:noi genitori ci saremo sempre per voi"concluse abbracciandomi
"Grazie,grazie mille"sussurrai tra le sue braccia per poi tornare alla festa

POV'S SAM
"Sam congratulazioni!Me lo sentivo che Lucas era vostro figlio e sono felicissimo per voi!"disse Liam venendomi ad abbracciare
"Scusa Lii per come ti ho trattato ma..ora capisci vero?"chiesi sorridente
"Certo,anzi.Forse avrei fatto lo stesso anche io"disse facendomi l'occhiolino
"Ei Liam,non dirmi che ci stai provando con la mia ragazza eh!"urlò Louis avvicinandosi
"Oh nono Louis,é tutta tua.Anzi,ora vado...ci si vede domani!"disse salutandoci per poi scomparire

"Loooouis"dissi sottovoce sprofondando in un suo abbraccio
"Dimmi piccola"disse poggiando il suo mento sulla mia testa
"Sei un idiota"dissi scoppiando a ridere
"How amore,quanto ti amo!"rispose sarcastico
"Grazie"gli sussurrai vicino l'orecchio
"Di nulla amore,ma ora è meglio andare a cercare il piccolo Lucas che deve fare la nanna"disse prendendomi per mano.

Dio quanto era dolce!!!

Ci indirizzammo verso la famiglia di Louis dove era Lucas.
"A nanna piccolino"disse Louis per tirarlo su dal tappeto colorato quando Lucas iniziò a piangere
"Louis dai,lascialo giocare con noi!"urlarono in coro le sue sorelline
"Oh no piccole,deve dormire.E voi dovete tornare a casa per fare i compiti,giusto?"chiese alle sorelle in fare paterno
"Uffiii"protestarono loro mettendo il broncio
"Ha ragione vostro fratello,ora dobbiamo tornare a casa"replicò Johannah prendendo
la sua borsa
"Grazie di tutto Sam,il pranzo è stato eccezionale come la sorpresa direi.Un giorno vi aspetto a casa mia per fare due chiacchiere ma ora va a riposarti che non hai una buona cera"disse abbracciandomi " e tu-"indicò Louis "non farla stancare"

Io e Louis scoppiammo a ridere e dopo loro quasi tutti lasciarono casa. Ora c'era solo un gran caos da ripulire
"Amore vai a letto che qui penso io"mi rassicurô Louis vedendomi stanca
"Grazie Louis,porto con me anche Lucas.Ti amo"dissi baciandolo
"Anche io"rispose afferrandomi per i fianchi accentuando il bacio
"Okay okay vado"dissi ridendo alzando le mani in aria mentre lui mi guardò malizioso

Salita in camera mi infilai sotto le coperte e caddi in un sonno profondo.

Dopo poco sentii aprire la porta e il letto scricchiolare, segno che qualcuno ci era salito sopra.
Pensavo fosse Lou ma era il mio cuginetto Niall.
Il biondino tanto amato da me...

Sprofondai tra le sue braccia mentre mi accarezzava i capelli.

POV'S NIALL

La mia piccola cuginetta era cresciuta...
Quella piccola bimba dalle treccine bionde ora era diventata mamma.
Aveva una famiglia, una splendida famiglia direi!

Aveva un ragazzo splendido al suo fianco e un bambino bellissimo da accudire.
Louis l'amava tanto, l'ha sempre amata.
Piangeva per lei, solo per lei ; gioiva per lei, solo per lei.

Quando partì la prima volta,per un mese non parlò, non uscì e non fece altro che versare lacrime amare quando dall'altra parte dell'oceano, per Sam, era la stessa cosa.

Vederla ora felice era la mia più grande soddisfazione...

Ricordo ancora la prima volta che li vidi baciarsi...ero gelosissimo.
Lei era la mia piccola ma qualcuno me la stava rubando.
Ricordo anche di aver litigato con Louis la prima volta che fece arrabbiare Sam ma poi tutto passò.
Ora penso che senza di lui, Sam,sarebbe infelice. E io non voglio questo per lei.

Odio quando piange, quando si chiude in bagno a vomitare senza parlarne a nessuno, quando fa finta di essere felice anche se non lo è.
Amo quando ride, quando mi abbraccia e quando mi porta la colazione a letto.

È la mia cuginetta e lo sará sempre ma ora devo lasciarla libera. Voglio lasciarla libera...

Sará una moglie e una madra perfetta e se servirá l'aiuterò, ma ora tocca a lei vivere.
Si è fatta grande, ora è una donna...la mia piccola grande donna.

"Ti voglio bene"le sussurrai per poi uscire da camera sua socchiudendo la porta.

Spazio autrice

Ragazze scusate il ritardo ma amatemi lo stesso...
Oggi compio 14 anni e nonostante tutto ho postato il continuo della storia!!!
Siamo arrivati a 18.000 visualizzazioni,cavolo,ne sono stupefatta!Ho ricevuto la maglia che tanto aspettavo più un augurio speciale da questo mio caro amico che saluto. E' stato il primo,veramente il primo,a farmi gli auguri.


Spero me li facciate anche voi e se avete voglia seguitemi su Instagram come Ludovica_Tomlinson!!!


Un bacio...Ludo

Lucas TomlinsonLeggi questa storia gratuitamente!