Capitolo 2

5.2K 268 12

Il giorno dopo tornai da scuola stremata. Buttai lo zaino per terra e mi fiondai sul letto. Presi il telefono e controllai i messaggi. Un messaggio non letto. Chissà di chi era.
Aprì whatsapp ed era un numero che non conoscevo.

Justin Bieber:
Hey, piccola. Smacchiato il vestito? ;)

Esitai un po prima di rispondere ma alla fine gli scrissi.

Io:
Non lo sai? Il vino non si smacchia. -1 vestito per colpa tua :)

Scrissi scherzando.
5 minuti dopo rispose e sbloccai subito il telefono per vedere la risposta. Ma cosa mi prendeva? Non avevo mai fatto così per nessun ragazzo.

Justin Bieber:
Come posso farmi perdonare?

Io:
Non puoi

Justin Bieber:
Invece ho un'idea

Io:
Sarebbe?

Aspettai ma non rispose. Posai il telefono ma in quell'esatto momento squillò.

H: Pronto?
J:  Affacciati

Andai verso la finestra e vidi Justin in tutto il suo splendore. Indossava dei pantaloni a cavallo basso neri e una giacca di pelle del medesimo colore. Wow, avrei cominciato a chiamarlo Blackman.
Attaccai e scesi andando nel piccolo giardino di fuori. Justin aveva le mani in tasca ed era girato di schiena. Si girò e mi sorrise.

H: Era questa l'idea?
Chiesi incrociando le braccia.

J: Diciamo che è un piccolo pezzo dell'idea.
Disse venendo verso di me.

Mi prese la mano e mi fece entrare nella macchina

H:Aspetta dove mi sta portando?.
Dissi bloccando la portiera prima che potesse chiuderla.

J: Lo scoprirai tra poco.

Entrò in macchina e partì.
Un quarto d'ora dopo arrivammo al centro commerciale. Mi fece scendere dalla macchina e mi avvolse il fianco camminando verso l'entrata.

H: Perchè mi hai portata qui?
J: Visto che ti ho rovinato un vestito te ne comprerò uno nuovo
H: Ma Justin, non ce n'è bisogno- dissi mettendomi davanti a lui.
J: E invece si
Mi prese la mano e entrammo nel centro commerciale.

Dopo un'ora ancora stavamo girando nei negozi. Mi aveva comprato un paio di scarpe nuove e anche una collana con la sua iniziale. All'inizio non avevo capito il senso di quel regalo con la sua iniziale, ma mi aveva detto che era per farmi ricordare di lui. Infondo mi piaceva.
Entrammo alla Hollister e finalmente trovai un vestito. Era interamente di pizzo e dietro aveva una scollatura a fiocco.

J: Provatelo.
Mi disse Justin sedendosi su una poltrona davanti a un camerino. Mi provai il vestito e mi guardai allo specchio. Era stupendo. Uscì dal camerino per far vedere il vestito a Justin.

J: Wow
Disse rimanendo a bocca aperta
J: Sei stupenda Hope

Mi guardò e si alzò. Mi afferrò la mano e mi fece fare una giravolta. Mi prese per i fianchi e mi diede una bacio sul collo. Sentì una scossa passarmi per tutto il corpo e avevo dei brividi di caldo e freddo.

J: Vatti a cambiare così paghiamo il vestito.

Ero tutta rossa e mi voltai di scatto per non farmi vedere.
Justin pagò il vestito e andammo via dal centro commerciale. Mi riaccompagnò a casa e poi se ne andò con la sua macchina nera che si confusa col buio della strada. Entrai a casa ma i miei genitori ancora non c'erano. Aprì il frigo per preparare qualcosa e vidi una scatoletta con un biglietto sopra.
"Siamo a una riunione. Torniamo questa sera" Buttai il fogliettino e scaldai quello che mi aveva lasciato mamma. Finì di mangiare e andai esausta in camera mia. In un secondo crollai.

Forever? ||Justin Bieber||Leggi questa storia gratuitamente!