For every story tagged #WattPride this month, Wattpad will donate $1 to the ILGA
Pen Your Pride

CAPITOLO 1

1.4K 80 1

Ciao a tutti.
Mi presento come Martina Stoessel,detta Tini da amici e parenti.
Sono una ragazza semplice ma con genitori abbastanza famosi.
Mia madre,Mariana,è una famosa stilista di moda e lavora in vari paesi dell'America.
Mio padre è un produttore cinematografico,Alejandro.
Ho un fratello di nome Francisco che vive non molto distante da dove abito io con i miei,Buenos Aires.
Io ho 18 anni lui ne ha 23.
Studio in una scuola pubblica,in centro Buenos Aires.
--
Scendo dalla mia auto regalata dai miei genitori per il compleanno,e prima di poter chiudere la macchina la mia migliore amica mi salta addosso.
La mia migliore amica,Lodovica,19 anni.
L:Tinitaaa,Quanto mi sei mancata.
Immagino,abbiamo trascorso le vacanze insieme.
Con un sorriso raggiante mi avvicino alle mie amiche e cominciammo a parlare dei vari viaggi fatti durante le vacanze fino a quando un gruppetto,immagino di 20/21 anno bocciati ovviamente,camminare verso la nostra aula.
Senza dar troppa importanza ci avviammo verso la nostra classe.
L'ultimo anno di scuola,finalmente.
Ormai ognuno al proprio posto la dirigente ci disse che la professoressa delle prime tre ore non ci sarebbe stata,menomale perché ci avrebbe fatto già studiare la lezione.
Ci riunimmo in cerchio e fecimo il gioco 'Obbligo e verità' un po da ragazzini ma era l'unico gioco che potevamo fare per uccidere le tre ore buche.
L:Martina,Obbligo o verità?
Diventai tutta rossa,tutta la classe mi stava osservando aspettando la risposta.
La mia risposta fu non molto certa,obbligo.
L:Bene..devi baciare,con la lingua ovviamente,lui.
Con il dito puntò un ragazzo con il ciuffo alzato,occhi verde smeraldo,labbra carnose.
X:Oh sarà un piacere baciarti,dopo questo bacio non vorrai altro che venire a letto con me.
Dette queste parole uscite dalle sua labbra dannatamente sexy,sorrise ai suoi compagni che a loro volta risposero uguale.
Io:Non ci contare,Blanco.
J:Sai già il mio cognome,è un buon inizio
Lo presi dal colletto della giacchetta in pelle nera e le mie labbra erano a 1 cm dalle sue,le sue labbra si muovevano sulle mie e le nostre lingue 'giocavano'.
Fatto questo bacio mi staccai,non potei evitare di dire a me stessa che il bacio mi era piaciuto.
Continuammo questo gioco fino a quando suonò la quarta ora.
--
Usciti da quella struttura salutai le mie amiche e con Lodovica salì sulla macchina,avrebbe mangiato e dormito da me.
Accesa la macchina,lodovica con esitó a alzare il volume della musica(Mika,Good Guys) e abbassare il finestrino.
Arrivati a casa mia salutai mia madre e mangiammo velocemente.
Salimmo in camera mia e cominciammo a parlare del primo giorno.
Io:Certo che tra tutti i ragazzi che c'erano mi hai fatto baciare con il bad boy.
Sbuffai per il nervoso.
L:Non puoi dire che non ti è piaciuto eh.
Non rimasi a sentire quello che disse la mia migliore amica,ma continuai a guardare il mio amato IPhone 5C.
Io:Andiamo a farci un bagno.
Indossammo un costume trovato nel mio armadio e ci tuffammo dentro la piscina di casa mia(interrata)
L:Ehy,mi è venuta un'idea.
Feci segno con la testa per farla continuare.
L:Perché non fai una festa in piscina?Inviti tutta la classe.
Io:Si,e poi devo anche invitare Blanco.
L:Si chiama Jorge,non blanco.
Grazie alla mia migliore amica scoprì il nome del ragazzo che avevo baciato la mattina.
La mattina dopo ci preparammo e in pochi minuti eravamo davanti alla scuola.
Arrivata in classe mi misi in piedi sul banco e informai ai miei compagni che sabato ci sarebbe stata la festa a casa mia,in piscina.
Scesa dal banco mi ritrovai lui davanti.
Io:Spostati dai.
J:E se non voglio?
Si avvicinava sempre di più e io di conseguenza indietreggiavo.
J:Sabato a casa tua,festa,piscina,costume,baci,letto,sesso.
Io:Ahahahaha come no.Resta solo un bacio tra noi e poi vai dalle tue puttane.
Detto questo lo spinsi e andai verso lodovica.
Le cinque ore passarono alquanto velocemente.
Finalmente fuori da scuola,oggi avrei pranzato con Lodovica e Candelaria al MC donals,e poi saremmo andate a fare shopping,come ogni giovedì.
C:È così Sexy quel Jorge.
L:Da farselo tutto.
Guardai lodovica perplessa da quello che avevo sentito.
L:Che c'è?È un figo da paura.
Io:Si solo un figo da paura è Jorge.
Quando dissi queste parole stavo scendendo dallo sgabello per andare verso un negozio ma venni fermata da una stretta forte,di nuovo lui.
Io:No,Dai è una perseguitazione.
J:Quindi Sono un figo da paura,Principessa?
--
Ecco una nuova storia.
Una storia di un ragazzo che usa le ragazze per puro piacere e divertimento ma con un passato difficile.
E di una ragazza semplice, ma determinata,con un passato difficile anche lei.
Jorge riuscirà a conquistare Martina?
Si innamoreranno l'uno dell'altra?

MY BAD BOY.Leggi questa storia gratuitamente!