Capitolo 35

178 7 0

Pov'jack

Stavo finendo di correggere alcuni compiti,tra un paio di minuti avrei cominciato la mia penultima lezione,eh si domani finisce scuola,non ci credo che è già passato un anno,i miei alluni si laureano e io starò li a vederli,mentre predono il diploma,sarò pure presente quando Summer lo prenderà,come vorrei ritornare con lei,dopo quello che successo nulla ci riporterà a cui di una volta.
Ad un tratto la porta della mia classe si spalanca,vedo Britney entrare e fermarsi davanti a me.
-Mi dica signorina Grace-
Non rispose ma rimasi li immobile a fissarmi,so che sa tutto quello che sta capitando tra me e Summer,ma deve capire che lei non c'entra nulla
-Britney-dico per poi alzarmi dalla sedia e andare verso lei.
-Tenga-mi sbatte su un banco la tesina che ho chiesto per dopo.-io non ci sarò dopo,perché non voglio passare nessuno tempo con lei,ha fatto del male alla mia migliore amica,sia io che lei prima eravamo amici ora però non lo siamo più-
Mi sorpreso le parole che mi aveva appena detto,tutta la rabbia che aveva,mela ha appena urlata in faccia,e ha fatto bene.
-Hai ragione,ma devi capire che non solo io gli ho fatto del male,ma anche lei a me,fidanzandosi con quel Mason-affermò per poi passandomi una mano tra i capelli.
-Ok,ma sei stato tu a lasciarla per andare in Florida-
-Era mio figlio...-mi fermai,Marcus non porterà mai il mio sangue,ma io lo considerò mio figlio,cazzo ci sono cascato-sono casato in un piano di Megan,lei mi voleva tutto per se,facendomi credere che Marcus era mio figlio,ma non lo è mai stato,ti rendi conto,ho perso la donna che amo solo per colpa di una stupida donna-
-Mi dispiace jack,io....non lo sapevo-
-Bene ora lo sai-andai verso la cattedra e mi sedetti su di essa.
-Prof,io ora mene andrei,scusi per il disturbo-non mi fece rispondere che sene andò via,la capisco vuole bene a Summer come io.

-

Pov'Summer

Io è Mirko siamo andati a fare una passeggiata sul ponte,ho saputo che è italiano,e che era venuto cui per vedere qualche università ma non ci è riuscito,forse perché amo di più suonare la chitarra e diventare un grande chitarrista,i genitori vogliono che vada a studiare in Europa,Germania,vogliono che il loro figlio diventi un medico,anche se lui di medicina non sene intende molto.
-Allora,tu ancora non mi hai detto perché sei cui-mi appoggiò sulla sua spalla e ammiro il paesaggio davanti a me.
-Per vedere alcune università-dico,ma parte una risata da Mirko.
-Ai vabbeh,raccontante un'altra-
-Non mi credi?-domando guardandolo nei occhi.
-No,dai perché sei cui-
-Uno stronzo mi ha spezzato il cuore a mille pezzi-
-Wow deve essere proprio un alieno,rompere il cuore a questa bellissima principessa-mi bacia a stampo.
-Eh si,e proprio un alieno-sussurro...
-Sai che c'è non mi sono per niente annoiato cui-gli do un pizzicotto per fargli attirare la mia attenzione.
-E meglio per te signorino-
Passammo tutto il pomeriggio a parlare della nostra vita,non voglio per nulla al mondo che questo momento finisca.

My teacher (Stagione 3)Leggi questa storia gratuitamente!