twenty-seven

6.1K 578 69

Frances si avviò nel parcheggio con una camminata rumorosa. Era anche imbronciata.

"Stupido Clifford." Sbraitò, arrabbiata. "Ha fatto in modo che lasciassi il mio 1955, me la pagherà e mi pagherà anche il panino." Continuò.

Arrivata all'auto cercò le chiavi nella tasca del jeans.
Era così arrabbiata che aveva dimenticato un piccolo dettaglio: lei non aveva né la patente né l'auto.

"Stupido Clifford!" Urlò.
Ritornò dentro e si avvicinò al tavolo dove gli amici erano intendi a divorare il loro cibo.

Che porci, hanno finito pure il mio di panino, pensò lei, facendo una smorfia di disgusto e una di dolore.

"Qualcuno che mi accompagna a casa?" Chiese. Tutti si voltarono verso di lei e la osservarono per un po'.

"Io." Sbuffò Luke dando un poi un morso al suo panino.
Prese il resto del cibo e si alzò, avviandosi a passo svelto verso la porta. Frances lo seguì a ruota.

Mentre camminavano per raggiungere l'auto, Luke diede ancora dei morsi al panino finendolo del tutto.

Prese le chiavi e aprì l'auto. Frances esultò felice e corse verso di essa, aprì la portiera ed entrò.

Luke fece lo stesso e subito mise in moto per partire.

"Scusami." Disse Frances.
"Non importa." Frances gli sorrise ma lui non la vide poiché era troppo impegnato a guardare la strada.

Frances lo osservava e fu veramente tentata dal lasciargli un bacio sulla guancia e di stringerlo a sé. In questi mesi si era dimostrato il ragazzo perfetto di Frances e lei se ne rendeva conto soltanto guardandolo in quel momento, in quell'auto, con la luce dei lampioni che gli illuminavano il viso.

Era bellissimo.

Ma il tratto da McDonald's a casa sua era così breve...
Frances si maledì poiché Luke l'aveva beccata a guardarlo. Era imbarazzata ma il rossore sul suo viso non si notava a causa del buio.

Quando scese dall'auto di Luke e raggiunse il portoncino di casa sua, rimase ancora ferma ad osservarlo mentre Luke aspettava che entrasse.

"Luke!" Urlò lei, richiamando l'attenzione del ragazzo che abbassò il finestrino.

Lei corse verso l'auto e lasciò un bacio sulla guancia di Luke.
"Grazie.
Ti voglio bene." Disse lei, sorridente.

Luke si sfiorò la guancia mentre la ragazza saliva le scale per raggiungere la porta d'ingresso.

"Frances!" Urlò lui. Lei corse di nuovo verso l'auto.
Prese il viso di Frances tra le mani e avvicinò poi il suo, sfiorandole le labbra con le sue.

"E io ti amo. Bel casino." Frances aveva gli occhi spalancati, era confusa.
Finalmente Luke la baciò e allora chiuse gli occhi, estasiata da quel dolce bacio.

FaceTime - l.hLeggi questa storia gratuitamente!