Capitolo 8

24.5K 1.4K 133

Non ci metto molto a tornare a casa, dopotutto il picco del falco non è molto lontano dal nostro villaggio, dato che si trova sulla linea di confine fra il mio territorio e quello dei Vampiri.

Sono così confusa, ancora non capisco perché mi abbia voluto vedere. Non aveva intenzione di uccidermi, e questo l'ho ben accertato, forse voleva prendermi in giro. No,no, non avrebbe senso.
Altrimenti lo avrebbe fatto davanti a tutti e non in privato.

"Dovevi ucciderlo Lyä! Ti saresti evitata tutti questi problemi"

Se solo ci ripenso: le sue braccia, le sue labbra, il suo profumo ... Luna mia cosa mi succede?

"No,no! Lyä ma che stai dicendo? Basta con queste scemenze!"

Entro in camera silenziosamente, sperando di non svegliare papà. Chiudo la porta alla mie spalle e mi butto sul letto affogando la testa nel cuscino.

"Ah ... Perché Lyä ... Perché quando sei con lui, l'intero universo potrebbe scomparire ... È un vampiro!"

So benissimo cos'è! Ma non riesco a fare a meno di pensare a lui.

"Se continui così mi verrà il diabete!"

Mi avvicino allo specchio afferrando la foto di mamma.

-Come vorrei che tu fossi qui ... te mi avresti saputo dire cosa mi succede e cosa fare ...- sussurro con gli occhi incollati sulla foto.

Mi manca particolarmente potermi confidare con una persona che non sia un uomo.
Si, Rosi è una tipa affidabile, ma non posso certo dirle che sono un Licantropo e che Axel è un Vampiro. Nel clan ci sono molte Sangue di Lupo, ma ecco, diciamo che mi trattano come la pecora nera del gregge: sono il primo sangue di lupo che ha il pelo nero e questo non gioca certo a mio favore. In genere i Licantropi hanno il manto grigio o marrone, solo i discendenti dell'Alpha hanno tutti il pelo bianco, tutti tranne me. Per questo non sono riuscita a farmi degli amici.

-Buona notte mamma- sospiro riponendo la foto nel luogo in cui era appesa, dopo averci stampato sopra un caloroso bacio.

Mi addormento dopo pochi minuti, cadendo in un profondo sonno.

Quando riapro gli occhi mi ritrovo in una bellissima foresta verde. La luna splende maestosa nel cielo e lucciole illumina l'intera zona, riflettendo la loro piccola luce nel laghetto davanti a me. Tutto attorno a me sembra denso di magia, osservo il luogo con meraviglia e stupore, rimanendo incantata da quella meravigliosa radura incantata.
Indosso un lungo abito bianco, a stile impero, decorato con ricami in pizzo d'oro.
Sto sicuramente sognando.
Eppure, anche nei sogni, il mio istinto si fa sentire, perche ora non riesco a percepirlo?

Vedo il mio riflesso nell'acqua e noto che i miei capelli sono raccolti in una delicata mezza coda, decorata con piccole margherite bianche.
La cosa che mi spaventa però sono i miei occhi, l'esterno dell'iride è rossa, mentre l'interno dorata.
Ma cosa diavolo sta succedendo!?

-Ti ho trovata!- sento da dietro le mie spalle.
Mi volto di scatto e la vedo, capelli marroni e pieni di boccoli, occhi di un verde accecante e un sorriso da togliere il fiato. -Mamma ...- sospiro incredula.

Com'è possibile? Perché sto facendo questo sogno? Lyä svegliati forza! Ti fa solo male vederla!

-No ... Non sei reale!- grido mettendomi le mani fra i capelli.
-Si che lo sono bimba mia ...- la sua voce è calda e melodiosa, come un delicato coro angelico.
Indossa una lungo vestito rosso sangue che ondeggia leggiadro al vento assieme ai suoi lunghissimi capelli, e tende sorridente una mano verso di me.

-No, no, no! Non sei qui veramente!-
Lyä è solo un sogno, solo un sogno.

La fisso con gli occhi pieni di lacrime e nonostante la mia testa continui a ripetermi che tutto questo non è reale, il mio corpo inizia a correre verso di lei.
Incrocio le mie braccia attorno al suo collo, stringendola più forte che posso. Ora le lacrime solcano le mie guance, e dei piccoli singhiozzi escono dalla mia bocca -Mammina mia! Mi sei mancata così tanto. P-perché te ne sei andata, io ho bisogno di te ...- urlo disperata, aggrappandosi a quella dolce immagine.

La ragazza Lupo [in revisione]Leggi questa storia gratuitamente!