Capitolo 29

269 13 2

Un mese dopo...

Pov'Summer

Mi ero svegliata con un buon umore,avevo anche messo il mio capello preferito per andare a scuola.Non so mi sentivo il cuore scaldato come se qualcosa mi dovesse succedere.Mi riguardo di nuovo nello specchio del mio boutique che portò sempre dentro la borsa,e mi incammino dentro l'entrata della scuola.Saluto tutti dal primo al l'ultimo ragazzo sorridendo a tutti,procurando un po' di fischi ma questo non mi importa più di tanto.Forse ero contenta perché ieri Mason mi ha regalato un anello,ma non pensate subito male non è un anello costoso,come quello che tre mesi fa...mi fermai di colpo,non volevo per niente nominarlo,e passato un mese ed io sono felice così,anche senza di lui.Come dicevo Mason ieri mi ha regalato un anello,che ha trovato dentro il pacchetto delle patatine per ,mestato romantico.Sto bene con lui,il solo pensiero che tra un paio di giorni facciamo un mese,mi rende molto felice.
Ad un tratto vado a sbattere contro qualcosa,o meglio qualcuno.Vedo tutti fogli sparsi in giro,e mi rendo conto che di sicuro avrò fatto cadere una professoressa o un professore.
-Mi scusi,ma sono tra le nuvole-dico ridendo,e facendo si che l'altra/o persona rida anche,per scordarsi l'equivoco.
Dalla fretta le nostre mani si scontrano,mille brividi invadono la mia schiena,alzò gli occhi e il mio respiro diventa pesante,le lacrime stanno per fare compagnia ai occhi.Il mondo si fermò per quel piccolo equivoco.Non è possibile,e ritornato,jack e ritorno.
-Ciao Summer-oddio come pronuncia il mio nome,mi fa sentire ancora sua,cosa che non sono più.
Raccolgo più in fretta gli ultimi fogli che si trovano per terra,e glieli do con forza non voglio rovinarmi la giornata per lui,non ora e ne mai.
Ma delle mani mi prendo con forza un braccio,facendomi girare.-Non mi saluti-cosa vuole che gli salto addosso,mai.
-Devo andare-dico cercando di liberarmi da quella presa.
-Hai solo questo da dirmi,cazzo non ci vediamo da un sacco di tempo-afferma.
-Jack questo non è il momento ne il luogo giusto,lo capisci-
Jack abbassa lo sguardo,ma poi sorride-Beh allora ci vediamo in classe signorina Giorden-
Sgrano gli occhi che cosa significava,ditemi che non insegna più cui-Che dici-una lacrima cade sul mio viso.
-Che sarò di nuovo il tuo professore-

-

Pov'Jack

Per tutta l'ora mia Summer non mi ha guardato,cercavo di avere qualche commento suo,sulla lezione che stavo svolgendo ma niente,e come se lei a ogni contato mio si è spenta.Ma questo non mi ferma,la amo ancora e farei di tutto per parlare con lei.Ma non mi da nessuna possibilità.Mi sento in colpa ad averla lasciata così tutta sola.Ma era per una buona causa,che pur troppo si rivelò l'errore più brutto della mia vita.
Sento un toc-toc verso la porta del legno della mia classe,chi può essere a quest'ora-Avanti-dico sistemandomi meglio sulla sedia.Appena devo quella figura entrare della mia classe mi alzò e gli vado contro.

-Jack,non ti avvicinare-dice Summer,non riesce neanche a guardami in faccia.
-Perché,e vero ho sbagliato,ma Summer mi sei mancata,ti amo-le sua mani toccano per la prima volta la mia pelle,Summer cerca di tapparmi la bocca con le sue mani,ma non cela fa.Le bacio fino a dire stop,mi è mancata la sua pelle.
-Non dire queste cose-ammette piangendo.Ma che cazzo dice?
-Perché,se ti amo,lo voglio urlare al mondo intero-
Summer abbassa lo sguardo,che a?Ho sbagliato si lo so,ma ora voglio sistemare le cose tra di noi.
-Sei arrivato troppo tardi-dice allontanandosi da me.
-Non capisco-la sento piangere e così la abbraccio da dietro,il suo profumo invade le mie narici,quando mi sei mancata Summer,quanto.Ad un tratto si stacca da me-Jack io sto con un'altro-dice piangendo.Sorridi perché so che uno scherzo,lei non lo farebbe mai.
-Dai smettila di scherzare-mi avvicinò a le ma lei indietreggia.
-Non scherzo,sto con Mason,stiamo insieme da quasi un mese e..-non la lasciò di finire la frase che butto giù tutto quello che c'è quella scrivania.Guardo Summer,come ha potuto farlo.
-Perche-urlo,la prendo tra le mie braccia ed iniziò a piangerò con lei,perché.
-Non ti amo più-mi urla in faccia,ma io non gli credo,sono il suo unico uomo che abbia mai amato,sono la sua prima volta sono il suo primo bacio,e la sua prima cazzata.
-Guadarmi nei occhi e dimmi che non mi ami-lei abbassa lo sguardo e sorride amaramente.Si libera dalla mia presa,e sena va via,ma prima di questo voglio dirgli una cosa.
-Si ho sbagliato,ma io sono rimasto in Florida per mio figlio anzi per Marcus,Megan mi ha fatto credere che Marcus fosse mio figlio,ma non così,mi voleva tutto per se,e lo a ottenuto.Summer ritorna da me,ti prego-
Vedo le sue spalle irrigidirsi,so che non sarà più mia come una volta,ma lo spero.Torna da me diceva il mio cuore,mentre il mio cervello diceva che avevo fatto solamente una cazzata ad averla lasciata andare via.
-Addio jack-ed ecco la cosa che tenevo di più perderla,ed e quello che è successo.

My teacher (Stagione 3)Leggi questa storia gratuitamente!