eight

8.2K 602 136

"Allora Clifford, dimmi, cosa odia Luke Hemmings?" Frances aveva carta e penna tra le mani e una matita sull'orecchio.
Amava rendere tutto così teatrale.

"Lo stalkeri o cosa?" Il ragazzo dal ciuffo azzurro si grattò la nuca.
"Sei inutile se fai così." Sbuffò lei facendo battere più volte il piede sul pavimento.
"Non voglio esserti utile. Ti è chiaro ora?" Si voltò e si allontanò da Frances quando un'idea per convincerlo le invase la mente.

"Convinco Taylor ad uscire con te!" Urlò per farsi sentire. Il ragazzo si girò, insospettito.
Taylor era la migliore amica di Frances, avrebbe fatto di tutto per aiutarla, soprattutto nei suoi scherzi.

"Davvero?" Si avvicinò nuovamente.
"Certo!
Devi solo parlarmi di Luke Hemmings." Gli sorrise, beffarda. Frances pretendeva sempre qualcosa in cambio.

"Eh va bene, accetto." Sbuffò lui, ormai si era arreso.
La ragazza sospirò e prese il suo block notes.
"Allora.. Di cosa ha paura?" Gli chiese quasi come se lo stesse intervistando.
"Luke? Stai scherzando?
Luke non ha paura di niente, la paura per lui è come dire una barzelletta."

Com'è possibile che non abbia paura? Tutti hanno paura, è umano aver paura, pensò lei.

"Cosa odia?" Michael ci pensò un po' e poi rispose.
"Odia i pomodori, la musica pop e quei gruppetti che, secondo lui, si credono fighi e infallibili." Disse, infine.
"Tipo?" Lo incitò a parlare.
"I One Direction, sì, credo si chiamino così." Si grattò la nuca, un po' confuso.

Frances si sentiva quasi offesa. Le piacevano i One Direction, non era loro fan ma ascoltava molte loro canzoni.
Ma, grazie a loro, sarebbe riuscita a fare finalmente il suo magnifico scherzo.
Doveva solo avere tutti gli altri elementi secondari e doveva convincere Luke ad incontrarla, non poteva permettergli di chiudere la videochat, il suo piano non poteva di certo essere infangato in un modo così crudele.

Heylà💖
Siamo #11 in storie brevi e sono felicissima, grazie mille!

FaceTime - l.hLeggi questa storia gratuitamente!