CAPITOLO 1

3.1K 59 5

Spazio autrice ❤
Nuova storia! Sinceramente ho un pò paura dell'esito dato che non ho mai fatto fanfiction con cantanti, nè tantomeno su cantanti dentro la scuola di Amici. Volevo farne una sui One Direction ma non credo di essere in grado di scriverne una come quelle stupende che ho giá letto, alcune storie sono davvero opere d'arte!  Anyway, io ci provo, al limite se non vi piace ditelo e la elimino. Bien, allora inizio eh!
------------------------

Sunshine's POV.

È impossibile. Ero stata scartata e ora ho questa possibilitá immensa di entrare nella scuola di Amici grazie a una sfida che farò con Anna, una cantante che ho seguito da casa. È davvero brava, ma non brava del tipo 'può andare' è quel brava del tipo che rimani a bocca aperta e pensi sol 'Wow'. È quel tipo di cantante che se ritrovi in una stazione radio decidi di restare lì.
Da: Clara
Che cazzo vuol dire che stai ad Amici? Oggi abbiamo gli esami, dimmi che stai bene. Non hai mai saltato un test in cinque anni!

Sbuffo.

I ragazzi compagni della mia classe di Medicina saranno, non solo sorpresi, di più. La ragazza monotona che sta sempre a pensare a studiare il giorno e la ragazza pazza che è meglio evitare di notte per quanto si scatena, è andata ad Amici. Dopo essre stata scartata, dopotutto. Sorrido e decido di chiamarla mentre tamburello la penna sul sedile dinnanzi al mio. Per fortuna la vecchietta dai capelli grigi e mossi non si accorge del tintinnio dietro di lei.

«Spiegami cosa cazzo stai dicendo!» esordisce lei con la sua 'solita' calma. Sorrido.

«Mi hanno richiamata.» spiego con calma. La signora si rigira di scatto per fulminarmi con lo sguardo, borbotto un 'mi spiace' e infilo la penna nella tasca dei jeans rigorosamente neri.

«Oh mio Dio! Potresti entrare?» domanda ormai fuori di sè. Adoro il suo lato un pò crazy in quanto lei è la mi amichetta che va per festa in festa.

Sono una figlia quasi perfetta, la mattina sono la ragazza più brava degli studi di Medicina, il pomeriggio sono la ragazza che studia fino allo sfinimento e che si chiude in camera, la sera sono la figliola che cucina, fa i piatti, apparecchia e sparecchia, la notte sono Io. Non che a me non piaccia la Medicina, anzi, l'ho scelta io, il fatto è che a volte mi manca la libertá con una madre opprimente che ormai ha solo me dato che mio padre è in prigione per violenza su mia madre. La notte però sono io la regina della festa, adoro scatenarmi sulla pista con la musica a mille mentre bevi e ti diverti con la gente attorno.

«Sì, ma sto contro una forte, devo essere perfetta.» ribadisco, più per me che per lei. Ho davvero bisogno di ripassare i miei pezzi, giá sento il panico scorrere nelle vene. Eppure non sono così nervosa nemmeno per i test...bè, ovvio, ho sempre il voto più alto, scritto in rosso, a destra del foglio, in alto.

La saluto velocemente e riattacco prima che inizi a urlare ancora più forte e a staccarmi i timpani.

Prendo le cuffiette e le infilo nelle orecchie ripassando i pezzi che mi chiederanno di cantare alla sfida.

Sento le gambe tremare, la gente urlare il nome di Anna come se non ci fosse un domani e sento il panico crescere fino ad indarmi del tutto. E se io non fossi abbastanza? Infondo sono la ragazza bassa che si presenta in sfida per scalciare via una delle più grandi di questa edizione, messa in sfida solo per il comportamento e che, se non fosse stato per esso, secondo me, avrebbe terra spianata alla vittoria oltre a Mattia Briga e anche i The Kolors non sono molto male, anzi. Inizio a saltellare un pò su un piede e l'altro mentre attendo, ed è un attesa che mi sta facendo morire. Saltando riesco a non permettere alle gambe di bloccarsi.

SING |Mattia Briga||Leggi questa storia gratuitamente!