Tutti avevano ripreso a ballare e a scatenarsi, dimenticando la faccenda di Sierra.

"Ti sei fatta male?" Mi girai e vidi Leo.

Aggrottai le sopracciglia.

"Prima, quando Sierra ti è caduta addosso" spiegò.

"Ah, no, non preoccuparti" risposi.

"Vuoi di nuovo un bicchiere di vodka o preferisci altro?" Osservò tutte le bottiglie di alcolici che erano esposte lungo il tavolo.

"Ehm, preferisco qualcos'altro" dissi. "C'è dell'acqua? O della coca cola? O magari è una richiesta assurda?"

"Vado a vedere in cucina" rispose, andandosene.

"Eccoti" esclamai, vedendo Charlotte tornare. "Sierra si è calmata?"

"Più o meno, adesso è con Luke" rispose.

"Non l'ho fatto apposta a buttarle il bicchiere addosso" dissi.

"Lo so ma spero lo sappiano anche gli altri."

"Ecco a te" disse Leo, porgendomi un bicchiere con coca cola e ghiaccio. "Charlotte? Vuoi qualcosa?"

"Ne ho già bevuti due e mi gira un po' la testa, quindi penso che dovrei smettere, non ho voglia di guidare sbronza!"

"Capisco" Leo sospirò.

Continuarono a parlare di alcol e drink, così ne approfittai per cercare Jenna. Provai a passare in mezzo alla gente che balla, ma fu una grande impresa.

Jenna non sembrava essere lì in mezzo, comunque. Alzai lo sguardo verso l'orologio appeso sulla parete del soggiorno, erano già le dieci e mezza.

Mi aggirai attorno, non conoscevo quasi nessuno. Attraversai il corridoio, dove una coppia era occupata a baciarsi, o a mangiarsi, come avrebbe detto Maya.

Spinsi la maniglia per entrare in camera di Jenna, ma non si aprì. Sembrava chiusa a chiave. Sbuffai, sperando che dentro non ci fosse nessuno, dato che tutta la mia roba era lì.

"Le ha chiuse Aiden a chiave poco fa."

Mi girai, ritrovandomi faccia a faccia con Travis.

"Non vuole che qualcuno le usi per scopi personali, diciamo così" continuò.

"Beh, fa bene" mormorai.

"Tutto okay?" chiese.

Annuii. "Sierra sembra pazza."

"Nah, è simpatica in fondo" replicò.

"Giusto, tu non hai visto tutto."

"Jenna mi ha raccontato tutto, dopo che ho acceso la musica. Non ha reagito molto bene e questo lo riconosco. Non è il tuo ambiente, eh?"

Strinsi le labbra. "Non proprio, cerco di ballare o divertirmi, ma da sola è un po' strano."

"Ehy, Walker!" Ci girammo entrambi. Un ragazzo dai capelli rossi lo stava chiamando.

"Arrivo" urlò lui, poi si rivolse a me. "Devo andare, ci vediamo dopo, okay?"

Annuii, senza dire nulla. Magari potevo provare a cercare Charlotte, sperando fosse ancora con Leo.
Camminai tra la folla, inciampando anche sul piede di un ragazzo messo male. Lo sentii imprecare e sbraitare contro di me, ma lo ignorai andando avanti.

"Faith!" Sentii qualcuno chiamarmi, così mi girai. "Ehy, qui!" Il mio sguardo cadde sui divanetti, dove erano seduti vari ragazzi.
Riconobbi Jenna, che stava sventolando le mani. Andai verso di loro, leggermente timorosa dato che tra i ragazzi c'erano Luke e Sierra.

ImpossibleLeggi questa storia gratuitamente!