Cavaliere nero

47.1K 259 32

Come ogni sera io, Alyssa che sono tutto tranne che una ragazza per bene, mi incammino per andare nel posto in cui lavoro la notte, un Night molto conosciuto di Milano, faccio la spogliarellista, ballo e vedo gli occhi delle persone infuocarsi per l'eccitazione che provano al solo guardarmi strusciare in quel palo, e molto spesso alla fine fanno a gara di chi offre di più per portarmi a letto. Non ho bisogno di soldi ho 22 anni e da circa 4 anni faccio questo mestiere e per questo ormai sto bene economicamente, lo faccio perché semplicemente mi piace, amo il mio lavoro.

Indosso delle culotte di pelle sgambate e molto attillate ed un reggiseno dello stesso tessuto, che stanno a meraviglia nel mio corpo semplice e non molto esile. Salgo sul palco e tutti pongono attenzione su di me, ballo e mi strofino al palo, vedo occhi di 50enni arrapati che mi guardano e se la segano davanti a tutti, ragazzi che muoio dalla voglia di scoparmi, mi abbasso in avanti gli dó un bacio a stampo ad un ragazzo, poi continuo a ballare fino a quando la musica non finisce.

David, il proprietario del Night, mi chiama e mi dice di recarmi nella stanza gialla che un uomo era già lì che mi aspettava. Allora vado, molto contenta perché ció voleva dire avere più soldi, ed entro. Resto scioccata era tremendamente bello, occhi verdi, capelli castani e dal fisico perfetto.
<<Entra e chiudi la porta, ti sto aspettando da un po' >> dice lo sconosciuto.
Faccio come mi dice e poi rispondo
<< Scusami ma mi hanno dato solo adesso la comunicazione>>, resto impalata sono affascinata da lui, ho avuto moltissimi uomini nella mia vita, ma mai nessuno tanto bello.
<< Vieni qui e inginocchiati>> continua lui.
Faccio come mi dice lui si sbottona la cintura e si abbassa le mutande, anche le misure del cazzo non sono niente male! Così senza che lui dica niente prendo il suo pene in mano e inizio a muoverlo, lo agito su e giù fino quando non diventa duro e a quel punto lo metto in bocca dopo un po' lui sta per venirsene lo sento e provo a uscire..
<<Esci la lingua>> mi ordina, obbedisco e lui se ne viene nella mia lingua
<<Inghiotti puttana>> continuo a obbedire, adoro quando mi chiamano puttana, mi fa eccitare ancora di più.
Si spoglia e si corica sul letto e mi ordina di mettermi su di lui. Mi inizia a toccare il seno e a baciarmi il collo.. Fa scivolare una mano nell'ombelico e poi la fa scendere sotto le mutande va subito sul clitoride e lo inizia a muovere, io inizio a gemere, nessuno mi ha mai toccata tanto bene.. Poi infila due dita dentro di me, gemo. Inizio a toccare il suo pene che diventa di nuovo duro.. E poi lui mi toglie la mano, afferra il suo cazzo e lo mette dentro di me..
<<pronuncia il mio nome>> mi ordina. <<Come ogni sera io, Alyssa che sono tutto tranne che una ragazza per bene, mi incammino per andare nel posto in cui lavoro la notte un Night moto conosciuto di Milano, faccio la spogliarellista, ballo e vedo gli occhi delle persone infuocarsi per l'eccitazione che provano al solo guardarmi strusciare in quel palo, e molto spesso alla fine fanno a gara di chi offre di più per portarmi a letto. Non ho bisogno di soldi ho 22 anni e ha circa 4 anni che faccio questo mestiere e per questo ormai sto bene economicamente, lo faccio perché semplicemente mi piace, amo il mio lavoro.

Indosso delle culotte di pelle sgambate e molto attillate ed un reggiseno dello stesso tessuto, che stanno a meraviglia nel mio corpo semplice e non molto esile. Salgo sul palco e tutti pongono attenzione su di me, ballo e mi strofino al palo, vedo occhi di 50enni arrapati che mi guardano e se la segano davanti a tutti, ragazzi che muoio dalla voglia di scoparmi, mi abbasso davanti ad un ragazzo e gli dó un bacio a stampo, poi continuo a ballare fin quando la musica non finisce.

David, il proprietario del Night, mi chiama e mi dice di recarmi nella stanza gialla che un uomo era già lì che mi aspettava. Allora vado, molto contenta perché ció voleva dire avere più soldi, ed entro. Resto scioccata era tremendamente bello, occhi verdi, capelli castani e dal fisico perfetto.
<<entra e chiudi la porta, ti sto aspettando da un po' > dice lo sconosciuto.
Faccio come mi dice e poi rispondo
<< scusami ma mi hanno dato solo adesso la comunicazione>>, resto impalata sono affascinata da lui, ho avuto moltissimi uomini nella mia vita, ma mai nessuno tanto bello.
<< Vieni qui e inginocchiati>> continua lui
Faccio come mi dice lui si sbottona la cintura e si abbassa le mutande, anche le misure del cazzo non sono niente male. Così senza che lui dica niente prendo il suo pene in mano e inizio a muoverlo, lo agito su e giù fino quando non diventa duro e a quel punto lo metto in bocca dopo un po lui sta per venirsene me lo sento e provo a uscire
<<esci la lingua>> mi ordina, obbedisco e lui se ne viene nella mia lingua
<<inghiotti puttana>> continuo a obbedire, adoro quando mi chiamano puttana, mi fa eccitare ancora di più.
Si spoglia e si corica sul letto e mi ordina di mettermi su di lui. Mi inizia a toccare il seno e a baciarmi il collo.. Fa scivolare una mano nell'ombelico e poi la fa scendere sotto le mutande va subito sul clitoride e lo inizia a muovere, io inizio a gemere.. Poi infila due dita dentro di me, gemo. Inizio a toccare il suo pene e che diventa di nuovo duro.. E poi lui mi toglie la mano, afferra il suo cazzo e lo mette dentro di me.. <<pronuncia il mio nome>> mi ordina. <<non lo so>> <<Allora chiamami Cavaliere Nero>> <<Cavaliere nero>> dico con la voce da morta di cazzo. Il modo in cui mi tocca e da brivido, provo piacere e non sto recitando. Arriva l'orgasmo e lui esce per non venirsene dentro di me.
Poi mi alzo, lo saluto e vado via.
Passa una settimana tranquilla, le solite serate e le solite scopate. Il cavaliere nero non l'avevo più visto fino a quando.. non lo so>>
<<Allora chiamami Cavaliere Nero>> <<Cavaliere nero>> dico con la voce da morta di cazzo.
Il modo in cui mi tocca è da brivido, provo piacere e non sto recitando. Arriva l'orgasmo e lui esce per non venirsene dentro di me.
Poi mi alzo, lo saluto e vado via.
Passa una settimana tranquilla, le solite serate e le solite scopate. Il cavaliere nero non l'avevo più visto fino a quando..

SPAZIO AUTRICE:
È il primo libro che scrivo, scusate il linguaggio, gli errori per favore fatemeli notare così li correggo, spero che vi piaccia e che qualcuno lo legga! Fatemi sapere 😘

Hot LoveLeggi questa storia gratuitamente!