31-- Capitolo EXTRA

4.2K 183 3

"Elias"

Lasciarla da sola è stata la scelta giusta.
Anche se faticosa.
Avrei voluto dirle tutto.
Su sua madre.
Dirle quando sia stato grande il mio disprezzo nei suoi confronti.
E spiegarle....
Ma non ci sono riuscito.
Il terrore di vederla sofrire mi paralizza.
Per questo devo starle lontano.
Il più lontano possibile.
Ho tentato, ho provato.
E alla fine ci ero quasi riuscito.La mia vita era andata avanti..Ho una nuova "slave".
Dovrei essere soddisfatto,perchè Melissa mi da tutto.Lascia che gli faccia di tutto mi asseconda.È un ottima sottomessa.
Ma non basta..lei non mi basta.La verità e che lei  non è Michaela.
Mi sistemo meglio sul letto,mettendo le braccia dietro la testa.La sigaretta pende dalle mie labbra.Il fumo mi brucia gli occhi..li chiudo.Anche ad occhi chiusi il suo volto e impresso nella mia mente...cosa darei per averla qui con me adesso.
Quel bacio....era cosi decisa,cosi dolce,morbida tra le mie braccia...Basta.Non posso pensare certe cose,non dovrei...cazzo se non dovrei.
Non dovrà ripetersi.
Aspiro dalla sigaretta ma non serva a calmarmi.
Oggi non ho proprio voglia di fare un cazzo.Si arrangeranno senza di me all albergo.Sto per  addormemtarmi..quando qualcuno suona insistemtemente alla porta.
Non ho idea di chi possa essere.Non aspettavo nessuno.
Mi alzo di mala voglia e scendo le scale,fino ad arrivare alla porta.
L' apro di scatto.
E mi ritrovo davanti quella mezza checca dell "amico" di Michaela.«Che cazzo vuoi?» dico piuttosto irritato.
Che cazzo è venuto a fare?..anzi no credo si saperlo vuole che lo gonfio.
E cazzo se lo faro!Forse a breve..«Devi lasciarla in pace hai capito?!» mi urla contro come una femminuccia di prima categoria.
Sta scherzando vero?...
Come si permette a venire a casa mia e farmi la morale?!quando questo testa di cazzo l ha lasciata sola nel locale?!..
Rido di gusto e lascio la porta fronteggiandolo «Cosa hai detto?» lo minaccio guardandolo dritto negli occhi.
Il ragazzo non indietreggia.
Devo ammetterlo ha le palle.
Ma sarà lui ha finire al tappeto.«Hai capito bene.Michaela.Lei devi lasciarla stare!Non permetterti mai più di portarla a casa tua senzo il suo consenso!Chiaro?!» mi punta un dito sul petto e l osservo schifato.
Ma fa sul serio?..
«Non ti basta il male che gli hai gia fatto?Non ti basta averle fatto vedere da quale cazzo di schifo di mondo vieni?!Lei non ha bisogno di questo!».
Faccio uno sforzo sovraumano per rimanere calmo e non tirargli un cazzotto in pieno viso.Questo piccolo pezzo di merda sa come farmele girare, ma sopratutto sa cose che non dovrebbe sapere.
Come osa dirmi che io non vado bene per lei che ne sa?!..
«Ti do tre secondi per andartene ragazzino.Uno..» la mia pazienza sta per esurirsi.Meglio per lui se si leva dai coglioni.Subito.
«Due..» il tipo sgrana gli occhi e saggiamente fa marcia indietro «Stalle lontano» dice e io sorrido maligno «Altrimenti?» lui  si volta verso l auto e non risponde.
Codardo.
Non merita di certo neanche lui di starle accanto.
Non dovrei giudicarlo ma lo faccio.
Lui ha preso il mio posto.
Bastardo impostore.
Sale in macchina e avvia il motore del suo rottame di merda dopo di che abbassa il finestrino e urla «Altrimenti.. le dirò l unica cosa le permetterá di odiarti davvero.» sfreccia via senza darmi il tempo di ribattere.
Figlio di puttana.
Rimango impalato davanti all entrata di casa mia.
Possibile che lui sappia?..
Come fa a saperlo?..
Chi diavolo è davvero questo moccioso?..
Lo scoprirò di certo.
Quel ragazzino non ha idea di chi si sia messo contro.
Ma lo scoprira presto.
Molto presto.

Nessuno sa il segreto che mi contorce l anima.
Il vero motivo che mi ha costretto a stare lontano da lei.
Nessuno deve saperlo.
Lei non dovrà mai saperlo di che sangue mi sono sporcato le mani.
Sarebbe la fine.
La fine di tutto.
E io non posso permettelo.

Trilogia Per amore o per Vendetta? :La rosa bianca (Part-1)Leggi questa storia gratuitamente!