Capitolo 3 : La Nuova Generazione (I)

437 66 13

Negli ultimi anni aveva sviluppato un forte senso dell'udito e dell'olfatto, perchè, la vista, aveva deciso di abbandonarla, per non vedere la rovina che la circondava. Si fidava di ciò che riusciva a sentire; avrebbe potuto scommettere che tra le persone che erano entrate c'erano sicuramente le due sorelle: ne sentiva il profumo e non che ne avessero uno particolare; c'era un ragazzo con una catenina metallica al collo che tintinnava quando si muoveva ed era sicuramente un ragazzo perchè, per quanto aveva visto, le ragazze non ne avevano di oggetti al collo.

E un altro ancora, passi pesanti, forse dei grossi scarponi che battevano forte sul legno, facendolo scricchiolare come probabilmente quel legno non aveva mai fatto. Le vibrazioni di un tamburo le giunsero all'orecchio da sinistra, dove c'era la libreria, poi invece esattamente dall'altro lato e si girò di scatto. Si sentì toccare una spalla e fu per lei motivo di voltarsi di nuovo, questa volta, sicuro verso la finestra.

“...è attenta...”

L'aveva sentito, ma di certo non era una voce familiare, anzi, mai sentita prima. Di nuovo i passi, chiunque fosse si stava muovendo, questa volta, secondo un accurato schema: due passi avanti, uno indietro, tre avanti e così proseguendo senza mai smettere, seguendo probabilmente una linea immaginaria intorno a lei, un po' come fanno i pianeti col Sole. Tutto ciò non aveva alcuna logica, Umberto l'aveva portata in un posto di matti, Simo era diventata strana e l'istinto fu quello di seguire quei passi intorno a lei con il corpo, come se questo potesse proteggerla.

“...è rapida...”

Quel “tipo”, chiunque fosse, la stava leggermente innervosendo con quel fare ritmico e circolare, quando ad un certo punto, d'improvviso, si fermò. Neanche più il pavimento scricchiolava, nemmeno sotto il suo peso, e tutto fu vero silenzio. Le salì l'ansia, non sapeva se più per paura o per agitazione, o forse per entrambi... Allungò il braccio sinistro davanti a lei, per cercare di riuscire a toccare qualcosa o qualcuno. Fu la mossa più sbagliata che potesse fare. Il ragazzo le prese il polso e lo girò in una posizione strana, bloccandole definitivamente il braccio. Così tanta attenzione, per essere poi bloccata come una novellina.

La paura fu subito più forte, l'assalì, inutile che lo negasse, eppure cercò di mantenere il controllo e raccogliere le forze per liberarsi, o almeno tentare. Riuscì a resistere per qualche minuto a quella morsa letale e poi con uno strattone e l'aiuto di uno sgambetto, provò a liberarsi, in maniera più o meno fallimentare o più o meno con successo era da valutare. Era caduta irrimediabilmente a terra, il che non era da considerarsi un fattore altamente positivo, tuttavia anche il ragazzo era finito a terra e praticamente fu egli stesso a staccare la sua mano dal polso, per poi porgergliela nuovamente per aiutarla ad alzarsi.

“...è forte...”

Dopo essersi rialzata non aveva più riferimenti, l'avvolgeva soltanto il buio pesto di quella maledetta benda. E quella pazzia sembrava essere diventata un test attitudinale improvvisato di scarso livello.

“Ok, ora basta. Mi sono stancata!”

Provò a sfilarsi la benda ma, come non detto... Era stato da stupida pensare che potesse essere un semplice nodo, facile da sciogliere, soprattutto alla luce del fatto che non l'avevano legata e quindi un buon nodo era l'unica sicurezza che quella benda rimanesse lì, dov'era. Era passata gradualmente dallo stato di eccitazione e felicità, all'impazienza, alla disperazione; mancava solo che arrivasse allo stadio della rabbia e a quel punto avrebbe dato di matto, bruciando tutto. La pazienza non era il suo forte, non lo era mai stato.

“Ehi, ehi, ehi...Ferma!”

“Controllati sorellina, altrimenti sarai nei guai...”

“Che guai?”

 Nessuna risposta.

____________________________________________________________

 Capitolo 3: La Nuova Generazione. Correzioni, domande, eventuali opinioni e quant'altro come sempre sono ben accetti... Intanto siamo arrivati a 10k letture, troppa felicità! Grazie mille a tutti i miei lettori *-*

Ribelli - La Nuova GenerazioneLeggi questa storia gratuitamente!