28 Capitolo

4K 184 1

Non sono ancora del tutto sveglia.Ma noto subito qualcosa di strano.
Anche se la mia mente è ancora per meta nel mondo dei sogni.
Il letto dove sto dormendo è troppo grande per essere il mio.Infatti il mio lettino in confronto non è neanche la meta.
Provo ad aprire un occhio e sbircio...
I miei sospetti erano esatti.Questa non è la mia stanza...Cazzo!Mi metto a sedere confusa..
«Dove diavolo sono?» chiedo a me stessa.Guardo la stanza enorme e lussuosa.Chiunque l abbia arredata ha buon gusto.I colori panna e marrone chiaro riempiono la stanza.Il tavolino da colazione all angolo è veramente grazioso...Sento la porta aprirsi e d istinto mi stringo la coperta al petto..approposito perchè indosso solo l inti...«Buongiorno.Dormigliona.» rimango a bocca spalancata..Elias.
Sono a casa di..«Stai meglio?» mi chiede con un espressione divertita sul viso.Solo ora vedo che ha un vassoio da colazione tra le mani.Rimango a fissarlo sbalordita è come sempre di una bellezza mozzafiato..ma stamattina si è messo d impegno.Come se ne avesse bisogno con quel....«Allora?Dici qualcosa ho vuoi rimanere a fissarmi?..hem..» indica la mia bocca «Fossi in te la chiuderei,sai i moscerini..» la chiudo di scatto.«Che cosa ci faccio qui?» lui mi guarda e interrompe quello che sta facendo «Forse non ti ricordi che ieri sera hai esagerato con l alcol.Di nuovo.» ora il suo volto è serio ma anche cosi con le labbra strette e gli occhi a fessura è ..bellissimo.Abbasso lo sguardo e ricordo tutto o quasi.Ricordo di essere salita in auto con lui,il cazzotto al tipo e..«Vuoi farti la doccia o mangiare prima?» mi chiede restando all impiedi vicino al letto.
Cosi posso ammirarlo meglio nei suoi Jeans neri attillati....
"e dai ammettilo ha un gran bel pacco il ragazzo!" ammonisco la vocina malefica che mi da il tormento e mio malgrado arrossisco.
Lo sento ridere.
Dio si è accorto che lo fissavo!vergognati!
«Deduco che tu voglia...mangiare prima» dice trascinando l ultima parola..."si te adesso!" risponde la vocina nella mia testa.E assurdo adesso sento pure le voci!Sto impazzendo!Mi schiarisco la voce «I miei vestiti?Perchè sono in..intimo?» lui si avvicina al letto e si abbassa poggiando un ginocchio su di esso.Mi sfiora il viso con la sua mano calda..«Perchè..pensavo stessi più comoda» dice ha un soffio dalle mie labbra.
Rimango immobile.
Che diavolo sta succedendo? E sopratutto che ci faccio ancora qui?!..
Elias si allontana e prende il vassoio,lo poggia sul letto accanto a me e si avvia alla porta,si ferma quando la apre e si volta «I tuoi vestiti sono nel bagno.» indica una porta dentro lavstanza la stanza."Woo il bagno in camera!Che lusso il ragazzaccio!" scuoto la testa  «Ti do un ora per vestirti e mangiare.» dopo di che chiude la porta e se ne va.
Come cazzo si permette?!..
Mi alzo in preda ha una rabbia ceca.Apro la porta «Elias!» lui si volta e mi guarda o meglio mi divora con gli occhi.
Avanzo verso di lui e gli punto un dito contro «Non permetterti mai più di darmi degli ordini!Un ora!Con chi cavolo credi di parlare?Con una delle tua squallide donnaccie?!» gli urlo contro con tutto il fiato che ho in corpo.
Elias mi guarda e sorride divertito.Si passa una mano sulla barba appena accenata «Mm.Se me lo chiedi vestita cosi..non posso che dirti..ok.» arrossisco fino alla radice dei capelli e corro verso la stanza da cui sono uscita.
Maledizione mi ero completamente dimenticata di essere in reggiseno e mutandine!

Trilogia Per amore o per Vendetta? :La rosa bianca (Part-1)Leggi questa storia gratuitamente!