•capitolo 2

36.9K 1.2K 19

POV. BLAKE
Arriviamo davanti a un enorme palazzo che all'apparenza può sembrare un hotel. Si trova vicino al centro,infatti se si va più avanti c'è via Torino almeno così ha detto il tassista.

Ci  consegnano le chiavi e ci dirigiamo verso il nostro appartamento.

Appena entro noto subito che è già tutto perfettamente arredato. Sembrava uno di quei appartamenti di New York.

La sala era enorme. C'è un divano gigante color crema ed è perfettamente intonato al colore del tappeto. C'è anche un grazioso caminetto e un po' più sopra c'è un televisore che a mio parere era di 50 pollici.

Di fianco al salotto intravedo la sala da pranzo dove c'è un enorme tavolo nero di marmo con delle sedie bianche e in mezzo al tavolo c'è un vaso pieno di rose bianche,le mie preferite. È tutto molto grazioso fino ad ora..ma prima bisogna vedere come è la mia stanza e solo all'ora avrei potuto esprimere un parere.

Salgo le scale a chioccola e trovo un ampio corridoio.
Dopo aver sbagliato stanza un paio di volte,finalmente trovo quella giusta.

Apro la porta e con mio grande stupore trovo una stanza a dir poco perfetta. Le pareti sono di color lilla chiaro con qualche ghirigoro bianco. Dall'ampia finestra entrano i raggi del sole che rendono tutto luminoso e allegro.

Il letto è molto spazioso,troppo direi per una persona sola.
Poi entro dentro alla cabina armadio dove si trovano i miei vestiti tutti perfettamente in ordine.

Mentre mi aggiro per la stanza trovo un specchio che all'inizio non ho notato. Guardo il mio riflesso con orgoglio quelle ore in palestra sono servite.

Sinceramente non posso lamentarmi del mio corpo,secondo il parere di molti ho un corpo bellissimo e secondo mia mamma posso fare la modella,ma a me del parere altrui non è mai importato nulla.

Personalmente non cambierei nulla. Ho dei capelli lunghi biondo cenere occhi azzurri e sono alta. Ecco solo essere un po' più bassa,questo lo vorrei. Insomma per avere solo 18 anni sono messa bene.

Decido di aprire la finestra perchè inizio a sentire caldo e mi accorgo che c'è una terrazza (nota per me:migliorare il livello di attenzione).

Esco a prendere una boccata d'aria e vedo un panorama da togliere il fiato. Ormai sta calando il sole e il cielo si è fatto di un miscuglio fra il rosa e rosso. Fantastico. Questo palazzo è veramente grandissimo,il vantaggio di essere ricchi.

La mia famiglia è ricca,molto ricca grazie all'eredità lasciata dai miei nonni materni.
Torno a riammirare Milano,chissà forse vivere
qui non sarà poi tanto male.

Un Amore TatuatoLeggi questa storia gratuitamente!