Venticinque

699 31 6
                                    

Mi sveglio di soprassalto e in preda al panico nel bel mezzo della notte perché sento Federico agitarsi nel letto e iniziare quasi a urlare.
Lo tocco leggermente e si sveglia, lo stringo forte a me.

Io: ei ei bello calmo
F: Sara

Dice quasi piangendo.

Io: calmo piccolino

Lo accarezzo e col passare dei minuti il suo respiro si regolarizza.

F: h-ho bisogno di s-sentire la mia r-agazza
Io: Fede a quest'ora Benny starà riposando!
F: tu non capisci... Ho fatto un sogno terribile, ho bisogno di sentirla

Quasi mi dice urlando.

Io: okay tranquillo tieni

Gli passo il mio cellulare e lui videochiama la sua ragazza con le lacrime agli occhi.

B: ei amore mio! Che succede?
F: a-aamore, come ss-stai?
B: amore dio mio che hai?

Mi intrometto perché Benedetta si iniziava a preoccupare troppo e Federico non riusciva a parlargli.

Io: ciao Benny, scusaci per la chiamata... Sappiamo che non è un orario normale

Federico si agita nuovamente.

B: mio dio Sara che ha?
Io: oi Fede, guardami

Lui mi ascolta.

Io: sta bene, Benedetta è lì a casa sua che dormiva tranquilla
B: amore guardami

Lui ascolta anche la sua ragazza.

B: sto benissimo amore mio! Stai tranquillo

Lui annuisce e gli prendo un po' d'acqua e lui beve per poi andare in bagno.
Esco sul terrazzo e parlo con Benny.

Io: mi ha fatto spaventare da morire
B: per fortuna che c'eri tu, grazie
Io: che scherzi?
B: no veramente... Tu gli sei molto accanto e te ne sono grata
Io: ed io che pensavo che tu mi odiassi

Benny sorride.

B: si, non ti nascondo che ti invidio un bel po'
Io: ma perché non resti qui con me, potremmo divertirci un mondo assieme
B: domani ho un esame importante per l'università, per quello non sono restata bimba!
Io: dio... Ti abbiamo pure disturbata nella notte sbagliata
B: non preoccuparti, appena ho visto il tuo numero ho subito pensato, qui è successo qualcosa
Io: avevo perso il controllo con Fede, mi ha iniziato ad urlare che doveva vederti
B: piccolino mio

Entro e lui era ancora in bagno.
Lo vedo seduto per terra e incantato non so cosa faceva.

Io: Benny?
B: lo fa, quando non riesce a calmarsi
Io: Fede

Si gira spaventatissimo e mi guarda.

Io: dio mi fa paura...
B: stai tranquilla, passamelo

Lascio il mio cellulare e sento bussare alla porta.
Apro ed era Nico, gli salto in braccio e lui sorride.

N: anche io sono felice di vederti, ma che sono ste urla?
Io: Federico mi ha spaventa a morte e sinceramente continua a farlo...
N: no merda, ancora...dov'è?
Io: al bagno per terra

Va verso il bagno e abbraccia Fede.
Non capivo che succedeva.
Ero preoccupata, ma non erano affari miei.
Se vorrà me ne parlerà lui stesso.
Fede stacca la videochiamata e torna nel letto.

N: vuoi che resto con te?
Io:no tranquillo... Vai pure da becky
N: lei dorme, e ha la mamma vicino

Sorrido e ci mettiamo stesi sul lettino singolo.
Mi addormento facilmente grazie hai suoi baci e alle sue carezze.

Amore e Odio in NazionaleDove le storie prendono vita. Scoprilo ora