Diciannove

702 29 0
                                    

N: e l'ometto dov'è?
J: a casa con la nonna
G: fa troppi capricci

La secondogenita Giorgia aggiunge, tutti ridono ed io resto incantata a vedere quelle due bimbe avvinghiate a Nicolò.

B: sarebbe un papà perfetto, guardalo

Sorrido annuendo.

M: zio nico perché non ci presenti la tua ragazza

Dice la figlia più grande di Ciro, guardandomi.
Lui ride e dice che gliela avrebbe presentata dopo.
Le bimbe non vogliono andare con i genitori, ma stare in bus con Nicolò.
Papà annuisce e andiamo in hotel.
La bimba più piccola mi si avvicina e dice

G: posso sedermi vicino a te?

Ero a sedere in fondo e Nicolò arriva anche con Michela.

Io: certo

Si voleva sedere in braccio quindi la prendo e la poso sulle mie gambe.

G: da grande vorrei essere bella come te

Sorrido e Nicolò guarda Michela e poi ridono.

M: è lei vero zio?
N: si

Sorrido e faccio finta di nulla.
La bimba inizia a giocare con i miei capelli e poco dopo mi si addormentata in braccio.
Guardo Nicolò ridere e scherzare con Michela e mi si riempie il cuore di gioia.
Aveva un sorriso che non gli ho mai visto prima.
Arriviamo in hotel e porto la bimba sul mio letto, perché ancora non avevo incontrato Ciro.
Appena appoggio la bimba sul letto lei mi chiede di stare accanto a lei ed io non potevo non accontentarla, è così dolce.
Mi addormento.

***
su WhatsApp

***su WhatsApp

Oops! Questa immagine non segue le nostre linee guida sui contenuti. Per continuare la pubblicazione, provare a rimuoverlo o caricare un altro.

***

Mi sveglio e sono le nove del mattino.
Entrambe le bimbe dormono e sono sdraiate entrambe sul letto matrimoniale accanto a me.
Cerco Nicolò e lo vedo sul divano.
Mi alzo e mi metto in quel poco spazio che avanzava e Nicolò se ne accorge.

N: ciao zietta

Rido.

Io: ciao zietto

Ridiamo e mi bacia.
Mi erano mancate le sue labbra.
Mi abbraccia e si addormenta tra le mie braccia mentre gli accarezzo i capelli.
Poco tempo dopo mi sveglio ed ero sola con le bimbe che ancora dormono.
Prendo il cellulare e vedo che Nicolò mi ha scritto di prepararmi che mi portava a pranzo fuori e che era una cosa urgente.

Prendo il cellulare e vedo che Nicolò mi ha scritto di prepararmi che mi portava a pranzo fuori e che era una cosa urgente

Oops! Questa immagine non segue le nostre linee guida sui contenuti. Per continuare la pubblicazione, provare a rimuoverlo o caricare un altro.
Amore e Odio in NazionaleDove le storie prendono vita. Scoprilo ora