Tredici

831 41 0
                                    

Erano le cinque meno venti del mattino e mio padre mi sveglia.

P: sei sicura di voler andare?

Annuisco e mi vado a vestire in bagno.
Scendiamo a fare colazione e Federico e Nicolò erano lì.
Una fitta al cuore quasi mi fece accasciare per terra, ma cerco di resistere.
Fede mi si avvicina.

F: ti voglio bene, ci vediamo presto okay?
Io: si Fede

Mi abbracci e nel mentre guardo Nicolò.
Che non si avvicina a me.

Io: dallo a Nicolò da parte mia

Dico a fede mentre gli baciavo la guancia.
Lui annuisce e mio padre mi chiama.

*tre ore dopo*

Sono a casa e nemmeno mia madre c'è.
Esco in giardino e mi butto in piscina con tutto il vestito addosso.
Avevo bisogno di pensare a che cavolo  mi è preso.
Ero talmente innamorata di Nicolò, che per la paura di doverci stare assieme e farmi vedere da tutti sono scappata? Penso tra me e me.
Esco e mi tolgo il vestito, restando in intimo e cercando il mio cellulare.
Chiamai fede, mi mancava da morire.

Io: ciao Fede
F: ciao Sara come va?
Io: male, anzi malissimo
F: non dirlo a noi..

Parliamo ancora e la sera ci ci sarebbe stata la partita.
Italia vs Galles.
Mi toccava guardarla per tv, una vera noia.
Accendo la tv e mi metto sul divano.
Torna mia madre e mi abbraccia tutta sorridente.

M: ei bimba, come stai?
Io: male mamma, non capisco più nulla

Mi abbraccia e resta con me a guardare la partita.
Che viene vinta dall'Italia uno a zero, Matteo aveva segnato e dovevo scrivergli.
Non mi risponde e vado a dormire.

*Due giorni dopo*

Sono al cellulare con papà.

P: te la senti di tornare? Stai meglio?
Ho bisogno di te, la squadra non è più uguale a prima.
Mi servono i giocatori al massimo, non scarichi
Io: si papi torno

Lui felice mi prenota un volo per il giorno dopo.
Non so nemmeno perché me ne sono andata.
Forse mia madre ha ragione, mi piace essere al centro dell'attenzione ogni tanto.

*giorno dopo*

Mi preparo per il viaggio e sta volta una valigia era più che sufficiente.
Ho imparato la lezione, magari a Londra non c'è l'ascensore.

Parto per l'aeroporto e dopo due ore di viaggio arrivo a Londra

Oops! Questa immagine non segue le nostre linee guida sui contenuti. Per continuare la pubblicazione, provare a rimuoverlo o caricare un altro.

Parto per l'aeroporto e dopo due ore di viaggio arrivo a Londra.
Papà mi viene a prendere e appena mi vede mi abbraccia portandomi subito in hotel.

Amore e Odio in NazionaleDove le storie prendono vita. Scoprilo ora