Capitolo 89

40 2 2


Ero sul letto. Picchiattevato ripetutamente le mie dita sul comodino che avevo accanto. Avevo paura. Non volevo vedere Harry.

Cosa gli dicevo "Harry ti amo, perciò ti ho baciato'' e magari mi prendeva anche per pazza dato che stavo con Zayn. Il casino era che appena vedevo una foto Zayn, dico foto perchè Zayn era tornato per un po' a Bradford, mi batteva forte il cuore. Ciò perchè comunque io provavo ancora dei sentimenti per lui.

Ad un tratto sentii bussare.

-Jade non dirmi che mi hai portato dell'altro cibo- dissi ridacchiando. Silenzio.

-Emh... Jade entra dai! Ah già è chiuso, aspetta arrivo-

Mi alzai dal letto e andai verso la porta con il mio pigiama "sexy" con le mucche.

Feci due giri di chiave e aprii. Non era Jade.

Chiusi la porta di scatto, ma LUI mise un piede in mezzo impedendomi di chiudere. Le sue converse erano stupende o meglio tutto di lui era stupendo!

-Fammi entrare ti prego- mi implorò.

Come facevo a dirgli di no? Lo amavo.

Aprii molto lentamente.

-Non guardarmi- lo ammanoii.

-Perchè?- disse entrando e notando che ero di spalle.

-Sono senza trucco, con due occhiaie terrificanti e ho un pigiama con le mucche- dissi arrossendo. Fortunatamente ero di spalle, odio quando gli altri vedono che arrossisco.

-Io penso che tu sia bellissima lo stesso- esclamò lui.

Lui tramendamente bello, alto, magro, muscoloso, simpatico, dolce, aveva una cotta per me? Ero davvero fortunata.

Mi girai. Ovviamente non lo guardai negli occhi.

-Guardami ti prego. Sono venuto, perchè devo parlarti- disse triste.

Mi si avvicinò e mi baciò una guancia. Mi prese il viso fra le mani e mi costrinse a guardarlo negli occhi.

I suoi occhi mi mancavano tantissimo, erano diversissimi da quelli degli altri, erano di un verde smeraldo per me unici al mondo, erano bellissimi.

-Sì, avevo ragione, sei bellissima- disse per poi baciarmi la fronte.

Io ero immobile davanti a lui. Il battito cardiaco era irregolare e respiravo a fatica. Styles era la mia rovina.

-Anzi sai sei più bella così, al naturale senza quello stupido trucco-

Mi lasciò il viso e io subito mi girai per prendere un bicchiere d'acqua.

-Cosa devi dirmi?- chiesi poco interessata.

-Che ti succede Charlotte?- mi chiese con tono dolce.

-Nulla- dissi secca.

-Tu mi eviti- disse.

-Non è vero-

-Allora perchè mi hai quasi chiuso la porta in faccia?- mi chiese. Si avvicinò a me, mi cinse i fianchi da dietro e mi fece girare.

Ero in confusione.

Eravamo a pochi centimetri di distanza. Io ero in confusione quel ragazzo mi stava facendo impazzire.

-A volte mi capita di chiudere la porta in faccia alle persone- dissi fredda e mi allontanai camminando dalla parte opposta. Lui mi prese per il polso e mi girò verso di lui.

-Basta mentire. Non ce la faccio più- disse lui.

Ecco successe di nuovo. Aveva poggiato le sue labbra sulle mie. Proprio quelle che non volevo che accadesse.

Le sue labbra erano morbide e perfette e non mi sarei staccata per nessun motivo.

Il bacio si stava facendo molto passionale e ci dirigemmo verso il letto.

-Harry basta- dissi staccandomi quando mi accorsi che la situazione stava prendendo una brutta piega.

-Non so cosa mi sia successo, perdonami- disse guardandomi a testa bassa. Detto questo se ne andò lasciandomi lì, sola.

Complicated Love StoryLeggi questa storia gratuitamente!