Capitolo 21

4.5K 169 1

Mi svegliai e faci le solite cose cioè mi lavai ecc..

Quando finii di sistemarmi andai di sotto dove avrei incontrato Lucas, non avevamo ancora chiarito quindi non sapevo nemmeno come mi sarei comportata.

Dai di sotto con fatica dato ch stavo entrando nei 5 mese e la pancia si faceva sempre più grossa e pesante.

Mi sedetti e cominciai a mangiare latte e biscotti.
'Mamma dov'è?'
'E andato a lavoro presto oggi'
'Ok'
'Non avete ancora chiarito?'
'No'
'Amore devi capire che Lucas e preoccupato'
'Lo so ma poteva evitare di dirmi certe cose ho passato la notte in bianco a piangere per lui'
'Oh amore mio vedrai tutto andrá bene'

Mi abbracciò, era un'abbraccio tenero e dolcissimo. Ci staccammo a causa del campanello che sicuramente era Leo.

Andai ad aprire e appena spalancai la porta mi saltò addosso baciandomi con passione.
'L-leo c'è m-mamma'
'Uffa'
'Andiamo?' 
'Si ti aiuto a prendere le cose'
'Grazie'

Mi prese il borsone ed entrammo in macchina. Durante il tragitto ci fù un silenzio tombale finchè non decisi di spezzare il silenzio.
'Allora che hai fatto ieri sera?'
'Sono uscito con Jessy'
'Dai basta con sti scherzi che hai fatto?'
'Sono stato a casa di Seba a giocare alla play'
'Ieri ho litigato con Lucas..'

Dissi triste. Leo lo notò e mi prese la mano e me la strinse.

'Vi amo'
'Vi?'
'Si a te e a Jessy'
'Vaffanculo'
'Dai scema a te e al bimbo no?'
'Ahn si e vero'

Arrivammo a scuola Anna e gli altri mi salutarono a Leo e Michael gli piaceva toccarmi la pancia una volta a Michael gli venne in mente si mettere la musica e provare a vedere se il bimbo si metteva a ballare ma non ebbe molto successo, si metteva soli a scalciare.
'Ehi come stai Laura?'
'Bene dai tu?'
'Bene andiamo in classe e giá suonata'
'Sisi'

Salutai tutti e poi Leo con un bacio a stampo.


Le lezioni andavano avanti finchè non venne l'ultima ora. Avevo ed. Fisica e siccome io non posso farla andai in cortile a mangiare un bel panino dato che avevo fame.

Stavo mangiato tranquilla senduta nel muretto quando sentii qualcuno da dietro abbracciarmi mi girai di scatto e con tutta la sua bellezza vidi Leo bello come il sole, il perfetto ragazzo spero che il bimbo prenda tutto da lui.
'Cosa ci fai qui?'
'Niente ho avuto il permesso per uscire sapendo che avevi ed.fisica'
'Ahn bene così ti controllo'
'Ti amo'
'Io no'
'Per una volta perche non dici di sì come quando stavamo così bene insieme'
'Anche io amore del mio cuore va bene?'
'Si'

mi bació.

A fine lezione, andaia casa con Leo stanca morta avevo assulutamente bisogno di dormire.

Entrai a casa e davanti a me mi ritrovai Lucas con una bellissima ragazza e un neonato, oddio non sará mica la ragazza di cui mi aveva parlato quel giorno cioè quella che era incinta.

I'M PREGNANT.Leggi questa storia gratuitamente!