Capiolo 8: Sono uno sbaglio!

2.1K 169 2

-AAAH....NO!!- mi svegliai... Ero a casa mia, sul mio divano, non c'era niente di strano. Era stato tutto un sogno, o meglio un incubo.

Cercai di alzarmi, ma sentì un peso che mi bloccava le gambe. Era Thomas, che si era addormentato sulle mie gambe...
' Gambe da elefante. Precisiamo che i lettori potrebbero fraintendere.'

Già, hai ragione, quindi la mia coscienza è una " persona" molto acida, scontrosa e altamente menefreghista dei sentimenti degli altri. Precisiamo che la gente potrebbe fraintendere.
'-.-'

Intanto Thomas si stava risvegliando. Eh no caro mio! Non ti permetterò di avere un risveglio così dolce.
Alzai velocemente le gambe e Thomas cadde all'indietro.
'Ma che cazz.....?!?! Ma dico, ti ha pure fasciato i polsi e riposta dolcemente sul divano, e tu lo ringrazi così?!?!'

Hai ragione! No, ma che cazzo ho fatto?!?!
' Ecco gente, ammirate la stupidità fatta persona.'

E se spostate lo sguardo alla vostra destra potrete notare la scemenza della coscienza. Ho fatto pure la rima.

(EHY SMETTETELA DI LITIGARE, HO UNA STORIA DA CONTINUARE!!)
Scusa....*faccia da cucciolo*

(Muoviti e continua a raccontare.)

-Ehmm... Scusa, davvero.... Il fatto e che mi sono svegliata dopo un incubo e....- Dopotutto una bugia piccolina non fa male a nessuno.
'Se certo, raccontalo al suo bernoccolo.'

Tesi la mano per aiutarlo ad alzarsi. Thomas afferrò la mano, mi tirò a se e mi abbracciò con fare protettivo.

-Scusa...- mi sussurra nell'orecchio.

Mi misi a piangere, faccio sempre preoccupare tutti. Non dovrebbe scusarsi, lui non ha fatto proprio niente, sono io... Sono io che sono uno sbaglio.

NadineLeggi questa storia gratuitamente!