Capitolo 12

4.8K 186 5

Eravamo in sala d'attesa.

'Tu non entri' dissi a Leo ancora arrabbiata

'Io invece entro'
'No'
'Si'
'Nooo'
'Si voglio vedere mio figlio'
'Da quanto ne sei interessato? Sei sparito per 4 mesi!'
'Quanto ancora vuoi rinfacciarmelo ora sono qui'
'Quanto ce ne è bisogno, e quando avevo bisogno di te dove eri? Due settimane fa avevo minacce di aborto e tu non c'eri ad aiutarmi'
'Mi dispiace'

Disse arrendendosi, aveva un'espressione triste sembrava sincero.

Scoppiai a piangere a causa dei miei ormoni.

'Perchè piangi piccola?'
'Sono gli ormoni coglione e non chiamarmi piccola se no mi innamoro ancora di più'
'Ti amo'
'Io no'

Fece per ribattere ma ci interruppe la ginecologa che ci chiamò. Mi asciugai velocemente le lacrime, e feci per raggiungerla ma mi dimenticai di mamma.
'Mamma non vieni?'
'No amore andate voi vi lascio soli io intanto vado a casa avverto Lucas che c'è Leo così avrá tempo per calmarsi prima che venite'
'Ok e grazie mamma'
'Di nulla tesoro'
La salutai e andammo in studio, alla fine Leo venne dentro.

'Allora Laura eccoci di nuovo qui, mettiti pure nel lettino che vediamo come sta il bambino dopo quel brutto momento'
'Okey'

Mi straiai e alzai la maglia ero un po in imbarazzo per il fatto che Leo continuasse a guardare la pancia bella rotonda, la ginecologa spalmò il gel super ghiacciato e cominciò a maneggiare il macchinario nella pancia.
'Allora Laura vedo molti progressi, vedo che hai seguito bene ciò che ho detto'
'Eh si'
'Ma questo giovanotto chi è?'
'Ehm uno sconosciuto'
'Piacere sono il padre del bimbo\a'
'Piacere'

'Allora laura adesso vediamo il sesso e poi sentiamo il cuoricino'
'Ok'

Maneggio il macchinario fino a vedere che era..

'E un bellissimo maschietto'
'Oddio davvero?' chiese Leo

'Si guarda'

Indicò con il dito sullo schermo il sesso del bimbo.. Che bello avrò un maschietto!!

'Ora ascoltiamo il battito'

E ad un tratto nella stanza si sentì un suono bellissimo, oddio il cuoricino del mio fagiolino, ero emozionata mi uscivano le lacrime, Leo era lì nella sedia con un bellissimo sorriso, ad un tratto le nostre mani si intrecciarono e restammo così fino a quando non finimmo l'ecografia, la ginecologa  passo dei fazzoletti a Leo per pulirmi la pancia rimatte soppresa quanto me, posò la mano nella pancia con il fazzoletti e mi pulì con delicatezza intanto io ero tutta rossa.

'Signorina Laura posso dire che sta andando tutto liscio come l'oio può pure tornare a scuola'
'Ok grazie dottoressa'
'Di nulla'

Uscimmo dallo studio e ci avviammo verso casa ed ero piuttosto in asia per quello che sarebbe successo tra Leo e Lucas...

I'M PREGNANT.Leggi questa storia gratuitamente!