7 Caitolo

20 1 0

Dopo la passeggiata  rientrare in camera e trovare una tizia pallida e vestita di nero ,sul letto a vedere la televisione è intorno a lei  suoi vestiti sparpagliati da per tutto. Gli dissi con voce alta- scusa ma questa stanza non può stare così sembra un porcile- lei gira lo sguardo come se dicesse ma che vuole questa? Io ripetei più volte ma non mi rispose me ne andai sbattendo la porta e volevo cambiare stanza ma le ha dette me lo impedirono.Io volevo ritornare a casa perché non riusciva a stare con una pazza nella mia stanza,ma non potevo scappare al primo ostacolo quindi ritornai in stanza e feci un copremesso con quella tipa.Chiari che a me non soportaco il disordine e gli piaceva o no dovevamo rispettare le regole dell Università.Dopo cominciamo a parlare gli dissi -come ti chiami? E lei rispose con voce molto bassa "Rachel" io sorrisi e capii che quella ragazza aveva qualcosa di speciale.

"Una vita inaspetata"Leggi questa storia gratuitamente!