Lily imprecò sotto voce quando sentì la voce rotta di Harry quasi su di lei.

Toccò insicura la maniglia della doccia per spegnere l'acqua, rendendosi conto di essere comunque senza vestiti.

-i-io credevo che..-

-ho detto che tornavo subito-

Harry dava una spiegazione a tutto, e malgrado Lily impallidisse ad ogni sua parola, questa volta sperò che riuscisse a lasciarle un minuto di privacy.
Inspirò molto prima di sentire l'acqua ormai fredda colarle giù dal corpo.

-puoi sbrigarti? non ho tutto il giorno-

Il ragazzo si alzò svogliatamente dalla piccola sedia di legno, afferrando un asciugamano e rimanendo a pochi centimetri da Lily.

Lei si girò incapace di guardarlo negli occhi sentendo la presa sul suo polso.

-sei una vera donna, hai tutti i punti giusti-

Harry parlottava e faceva uscire i suoi pensieri, permettendo a Lily di capire i suoi atteggiamenti.
E tutto quello che vedeva, con il tempo stava iniziando a piacerle.
La lasciò andare e osservò il suo corpo in tensione, per raccogliere il vestito sporco da terra.

-ti ho preso un paio di jeans e una maglietta-

Harry la condusse sul materasso vestita solamente della sua pelle.

-cosa fai?-

Tutto quello che Lily chiedeva era irrilevante, perché Harry sembrava molto concentrato a preparare quel marchingegno da cui doveva prendere il colore.

Lily non riusciva a capire cosa fosse, ma iniziò a muoversi lo stesso.

-Harry ti pr-

Sapeva che non doveva dire il suo nome, ma tutta quella situazione era a dir poco spaventosa e strana.
Il ragazzo le legò i polsi e le caviglie, facendole provare piccoli e spaventosi brividi che oramai facevano parte degli incubi di Lily.

-dovrai ricordarti di me-

Il ragazzo le si avvicinò all'orecchio parlandole con amore, misto all'oscurità.

-ci divertiremo un mondo Lily, credimi-

Ma lei non voleva divertirsi.
Lei non voleva divertirsi.
Iniziò quell'odioso ronzio che accompagnò tutto il lavoro del ragazzo, mentre le lacrime scendevano sul viso di Lily, oramai impotente.

-ti prego non farlo-

Lily continuava a pregarlo inutilmente, mentre l'eccitazione nel corpo di Harry cresceva, sentendo le suppliche di una delle ragazze più belle che avesse mai visto.
Cercò di sopprimere un sorriso, ma non ci riuscì.

Lui era felice mentre osservava Lily piangere.

Lui era felice mentre guardava soffrire lentamente la ragazza. 

Le incise qualcosa sul fianco, mentre il sangue usciva dalla ferita oramai aperta e fragile.. come lo era lei, dopotutto.

Quando il ragazzo finì, Lily sembrava sul punto di svenire, addormentandosi infelice.

Il ragazzo la incoraggiò a guardare la scritta, ancora fresca e contornata di sangue fresco. 

Lily trattenne un lamento, versando lacrime amare sul materasso sporco.

Here we are now.


28 Days::Leggi questa storia gratuitamente!