VII. Forse l'ultimo

113 10 0

La stringo forte al petto e la faccio volteggiare nell'aria che prende suono della sua risata.

Ad un certo punto vedo alla finestra Jase, la fanciulla e lo sconosciuto guardarci. Lo sconosciuto sembra in disaccordo col sorriso enorme e soddisfatto della fanciulla.

Jase apre la porta-finestra e ci raggiunge, gli altri due vanno da un'altra parte con pensieri contrastanti.

Faccio scendere Megan ed ella mi sporge la mano per tenergliela. Intanto si avvicina il ragazzo.
"Simpatica la mia migliore amica, vero?" Mi lusinga Jase rivolgendosi alla bambina.
"E dolce!" Risponde allegra lei.

Jase afferra l'altra manina di Megan e l'immagine che si è creata sembra un tipico bel quadretto familiare.

Lui la prende, la fa impazzire dal solletico e le chiede di lasciarci soli, deve dirmi una cosa...

Finalmente mi rivolge parola, bella o brutta che sia, mi dice qualcosa.

Ci sediamo entrambi sul lettino bianco e con la coperta a fiorellini rosa; si prepara per formulare il discorso che lo stritolo.

Forse è l'ultimo abbraccio, l'ultima parola, l'ultima volta che lo vedo, l'ultimo sguardo,  forse l'ultimo di tutto e non voglio.
"Non voglio perderti.."  Lo interrompo io prima che iniziasse il discorso; i miei lucidi occhi prestano attenzione ad ogni dettaglio del viso.

Mi da un bacio sulla guancia, il che è strano perché lui odia dare i baci perché dice che non se la sente. Poi apre bocca
"E come si fa ad abbandonare i  tuoi occhi?"

#Spazio autrice: Vi anticipo già che il prossimo capitolo è da non perdere! Spero che vi piaccia come e quello che scrivo.

Occhi di ghiaccioLeggi questa storia gratuitamente!