"Davvero??? Pensi che delle scuse bastino?!?! Mi ha quasi" 

"LO SO, LO SO E INFATTI MI ODIO DA SOLO" dice lui incazzato ma quello incazzato dovrei essere io perciò inizio a urlare più forte di lui "E ODIATI DA SOLO, A ME NON ME NE FREGA PIù NIENTE DI TE, VATTENE VIA" dico esasperato anzi urlo esasperato.

"Harry dammi un'altra possibilità ti prego" dice lui unendo le mani e incrociando le dite simbolo che mi stesse pregando.

"Non ci penso neanche Nick. Tu ti sei approfittato di me. Mi hai ubriacato e hai tentato di stuprarmi" dico ciò cercando di stare calmo e non tirargli uno di quei cazzotti che gli staccano 2 o 3 denti. Lui abbassa lo sguardo ma non mi fece alcun effetto. "ok, niente altre possibilità... però almeno dimmi un modo per farmi perdonare, ti prego" ci teneva a farsi perdonare quindi pensai se mi serviva un favore o qualcosa...

"ok ehm... tutte le mattine devi venire a prendermi a casa mia in auto e accompagnarmi a scuola, nient'altro" "ok ok ci sto, da domani alle 7:35 sono davanti a casa tua" dice lui felice, io un po' meno. "Beh, ciao Haz-" gli lancio un occhiata omicida "harry".

Mentre torna dentro noto quanto non sia cambiato fisicamente, certo è un bel ragazzo ma è stato un bastardo e per ora non merita nulla da me. Riaccendo il telefono guardando se c'era una risposta di Liam ma nulla... nessun messaggio, sarà con Zayn, quando è con lui si dimentica completamente del telefono e di tutto quello che gli sta intorno.

"Hey Haz ci sono, scusa c'era tanta coda davanti a me" dice lui dispiaciuto "tranquillo Nì, ho scritto a Liam intanto ma evidentemente è con Zayn" dico con un espressione tipo you know what i mean "hehe... cooooomunque, se tu conosci quel commesso, perché prima lui mi ha chiesto il tuo numero?" dice lui tranquillo mentre io divento completamente bianco "N-non gli hai dato il mio numero v-vero?" dico con la voce un po' tremante ricordando tutta la scena. "si che gliel'ho dato, è carino come ragazzo e ora pretendo un grazie per essere il tuo cupido" io lo guardo spalancando gli occhi e lui alzale sopracciglia formando delle rughette sulla fronte come per dire che non ha capito il mio comportamento. "Niall lascia stare, ti spiego tutto a casa" e ci ri-incamminammo verso casa.

Appena arrivati mettemmo subito le pizze in forno perché stavamo letteralmente morendo di fame

Eravamo sul divano a giocare ai videogiochi mentre mangiavamo le ultime fette di pizza quando ad un tratto si gira verso di me nel bel mezzo della partita "che c'è?" gli chiedo "mi spieghi o hai intenzione di stare zitto ancora per tanto?" mi dice lui sfacciato e io lo guardo già in ansia. "dai sai che puoi dirmi tutto" dice abbracciandomi, e diciamocelo, gli abbracci di nello sono i migliori, e li capisco che aveva capito che stavo in ansia. "ok..." prendo un respiro enorme (tipo il culo di Lou hihi shhh) 

"allora... hai presente quando mi hai conosciuto in quel bar?" "si che stavi piangendo ed eri tutto ubriaco" "ecco... in quel periodo mi stavo sentendo con Nick da circa 3 settimane e quella sera ci dovevamo incontrare in un ristorante li vicino a quel bar" dico sospirando e lui si avvicina a me "diciamo che il ristorante non era troppo bello e quindi appena finito di mangiare uscimmo velocemente per andare da qualche altra parte e decidemmo di entrare proprio in quel bar. Diciamo anche che Nick voleva già qualcosa che io invece non volevo per niente" vidi Niall irrigidirsi perché poteva già aver intuito qualcosa 

"e dato che sapeva di non poterla ottenere mi iniziò ad offrire qualche drink, forse troppi, ma lui non sapeva che io reggevo molto alcool e quindi non dico che ero completamente lucido ma parzialmente si. Appena pensava che io fossi sbronzo iniziò a strusciarsi su di me ma appena vide che opponevo resistenza mi appoggiò con la faccia verso un muro e iniziò a.." sospiro molto pesantemente "e iniziò a sbottonarmi la camicia e nel mentre continuava a strusciare il suo cazzo sul mio fondoschiena" vedo Niall spalancare gli occhi ma quella non era ancora la parte peggiore "e- scusa Ni non ce la faccio ad andare avanti troppo nei dettagli" lui è sempre davanti a me shoccato che non dice anzi, non riesce a dire nulla 

"in pratica ha cercato di... vabbè hai capito ma non è riuscito e quando mi hai trovato che stavo piangendo era per quello" dico facendo un'ultimo sospiro. 

Lui continua a non dire niente. Rimane li fermo a fissarmi finchè non si lancia su di me abbracciandomi e li inizia a piangere. "ma...tutto ok Ni?" dico soffocato dall'abbraccio "scusa scusa scusa scusa scusa scusa..." dice almeno un'infinità di volte "oddio scusa harry, mi dispiace tantissimo" io continuo a non dire niente perché volevo capire 

"harry scusa sono un idiota non dovevo dargli il numero" "tranquillo prima era venuto e sembrava davvero dispiaciuto, e tutte le mattine mi accompagnerà a scuola in auto"  "okok, stai attento però ti prego. Ma perché non me ne avevi mai parlato prima?" "diciamo che quando conosci una persona la prima cosa che gli dici non è che ti hanno tentato di stuprare, e poi diciamo che non è un argomento di cui mi piace parlare perché capisci..." "mmm va bene. Ma promettimi che ora mi dirai tutto d'ora e in poi" "si, tranquillo Nialler".

Il pomeriggio fu molto tranquillo, si cioè giocammo tutto il giorno fino a sera.

Della sera ricordo solo il momento in cui entrai nel letto stanco morto.

the thief of heartsDove le storie prendono vita. Scoprilo ora