Capitolo 14

407 15 3

Pov'summer

Mi svegliai di colpo,e inizia a fissare il soffitto,le braccia di jack erano avvolte a me,non riuscivo a non muovermi.Ieri sera e stata una notata,abbiamo parlato,e abbiamo pianto insieme.Questa volta non ci separiamo,anzi io aiuterò jack a trovare Megan.Pero prima voglio trovarla io,e vedere con i miei stesi occhi quella donna,che tempo fa nascose la gravidanza insieme a charlotte.Al solo pensare che jack abbia un bambino,mi si spezza il cuore,io avrei voluto essere la prima ad renderlo padre.Ma per colpa del destino,io non lo posso più fare.
Mi alzai con il busto lentamente senza fare movimenti bruschi,presi il braccio di jack e melo levai da dosso.Scesi dal letto e andai verso la cucina,presi una tazza di latte fresco e iniziai a berlo.

"Lavora cui come una maestra da asilo nido"

Pensai alle parole di jack,una volta seduta.

"Mi ricordo,che aveva fatto domanda per la scuola dei Flores"
"Ok..."

Posai la tazza nel lavandini,corsi in camera,presi i primi abiti che avevo,e mi vestì,senza fare rumore andai in bagno,mi truccai un po e uscì.Guardai una ultima volta jack,e lo salutai dandoli un bacio.
Lo amo così troppo,che non cela faccio a darli il muso.Presi la borsa,con tutto ciò che mi serviva,e uscì dal appartamento.Avevo intenzione di vistare Megan,e lo avrei fatto oggi stesso.
Bene a noi due Megan.

-

Chiusi lo sportello della macchina,e guardai per bene l'asilo nido che mi trovavo davanti.Ero proprio sicura di voler vedere Megan?Cosa avrei fatto?
Scossi la testa per lasciare stare i pensieri,sospirai rumorosamente,e iniziai a camminare,toccai con la mano il vetro della entrata,fino ad essere dentro a quella scuola.Appena entrai vidi delle classi,in ogni di loro,potevo sentire le urla dei bambini.
-Salve desidera-chiese una voce alle mie spalle-mi girai e sorrisi,era una ragazza quasi della mia età.
-Salve,stavo cercando una certa Megan-non finì di parlare che iniziò lei.
-Smith-
-Si ....lei-sorrisi sorpresa.
-Beh celai davanti,come ti posso aiutare-chiese.
Ora che la noto bene,mi accorgo che è uguale ed identica come jack mi ha raccontando.E bionda,e alta,e ha un bel fisico.
-Ehm....vorrei lavora cui,amo i bambini-dissi,ma come diavolo mi è venuta questa cosa in mente?
Io lavorare cui?
-Oh....beh cui stiamo in tre maestre,e una aiuto ci servirebbe molto-dice guardandomi dal basso verso l'alto.
-Perché non ne parliamo dentro-indica la classe-vieni,così stiamo più comode-
Annuisco e mi fa strada,camminiamo per i corridoio,e c'è molto imbarazzo tra di noi,specialmente su di me.La guardo con la coda del occhi,e mi immagino lei è jack insieme.Poi solo a l'ora mi rendo conto che siamo arrivati e davanti a me ho un sacco di bambini piccoli,che giocano.Mi vine quasi da ridere,questa scena mi da una grande gioia.
-Vieni siediti vicino a me-mi fa segno,io annuisco di nuovo e mi siedo accanto a lei.Siamo sedette davanti alla classe,così possiamo notare bene i bambini come giocano.
-Come hai detto che ti chiami-chiede
Cazzo!!!Non dirò il mio nome a lei.-Sabrina-dico.
-Ok...Sabrina,hai detto che vuoi lavorare cui,ma prima voglio sapere,stai studiando le per diventare una maestra,o stai iniziando a studiare-
-Sto....sto studiando-
-Ok....ti piace questo lavoro-domanda
-Si molto,come le ho già detto amo i bambini,e mi piace coccolarli,insegno bene,mi ricordo che al ultima persona che ho insegnato era mia sorella,ed ora e un medico-rispondo sorridendo.
-Ok,beh....sono felice che hai a cuore questo lavoro,perché sai e molto responsabile,genere sotto controllo dei bambini-stava per dire una cosa,ma vene fermata da un bambino che seli avvicinò.
-Posso andare a giocare con thomaso dopo-sussurrò.
-No amore-
-Ok-e corse a giocare di nuovo.
-Però vedo che ti danno ascolto-dico Guardandola.
-Ahhah si,ma lui è speciale,e mio figlio-appena dice "mio figlio" sgrano gli occhi senza faglielo vedere.
-Ehy..ti va un caffè-chiede sorridendomi.
-Si..,va bene..-appena lei sene va via riguardo il bambino.

My teacher (Stagione 3)Leggi questa storia gratuitamente!